“Salvare le ossa”: in libreria il nuovo romanzo di Jesmyn Ward

Uno sguardo potente e straziante sulla povertà rurale, della 2 volte vincitrice del National Book Award

È uscito da pochi giorni per NN Editore un romanzo forte, Salvare le ossa di Jesmyn Ward, la prima donna ad aver vinto per ben due volte il prestigioso National Book Award – nel 2011 con “Salvare le ossa” e nel 2018 con “Sing Unburied Sing”.

Considerata da più parti la nuova voce della letteratura americana contemporanea, la Ward sta cambiando con le sue opere il canone del romanzo americano.

Salvare le ossa” racconta la vita di ogni giorno con la forza del mito, e celebra la lotta per l’amore a dispetto di qualunque destino, non importa quanto cieco e ostile. Grazie a una lingua intensamente poetica, dove le parole bruciano come lacrime non versate, ogni pagina è un vortice di sole, vento, sangue e pioggia, che alla fine lascia commossi.

In Mississippi, un uragano minaccia di colpire la cittadina di Bois Sauvage. In un allevamento chiamato la Fossa, tra rottami, baracche e boschi, vivono la 14enne Esch, i suoi fratelli e il padre. La famiglia cerca di prepararsi all’emergenza, ma tutti hanno altri pensieri: Skeetah deve assistere il suo pitbull da combattimento dopo il parto; Randall, quando non gioca a basket, si occupa di Junior; ed Esch, la protagonista, unica ragazzina in un mondo di uomini, legge la storia degli Argonauti, è innamorata di Manny, e scopre di essere incinta. Nei dodici giorni che precedono il devastante arrivo di Katrina, il legame tra i fratelli e la fiducia reciproca si riscaldano, uniche luci nel buio della disgrazia incombente.

Questo libro è per Medea, che va incontro a Giasone tremante nel vento, per chi dopo la pioggia pesca a mani nude i girini nei fossi, per chi gioca a nascondino nelle stanze di vapore tra lenzuola stese ad asciugare, e per chi corre mano nella mano con suo fratello, ogni passo il balzo di un uccello che si alza in volo.

Previous article“Rampage – Furia animale”: un disaster movie tra azione e risate
Next articleL’identikit del lettore adolescente: a Mantova si parla di giovani e lettura
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here