Sanremo 2019: tutto quello che c’è da sapere sulla 69° edizione

Dal gruppo unico di artisti in gara, che di fatto abolisce Sanremo giovani, ai grandi ospitit tutti italiani

Dopo tanti discorsi, polemiche e anticipazini, è davvero tutto pronto. Tra qualche ora il sipario sul Teatro Ariston si riaprirà per ospitare la kermesse musicale italiana più attesa dell’anno: il Festival di Sanremo.

Pensate di sapere proprio tutto su questa 69° edizione? Per non fare brutta figura con gli amici e i conoscenti, in caso di chiacchiere festivaliere, o per colmare qualche lacuna, vediamo insieme gli elementi imprescindibili.

 

LE CINQUE SERATE E I CONDUTTORI

Sarà, per il secondo anno consecutivo, Claudio Baglioni il direttore artistico e il conduttore del Festival, affiancato stavolta da due colonne dell’intrattenimento italiano come Claudio Bisio e Virginia Raffaele.

Cinque le serate, dal 5 al 9 Febbraio, in cui si esibiranno i 24 big in gara e non ci sarà nessuna eliminazione fino alla finale. Il 5 febbraio si esibiscono tutti gli artisti; il 6 e il 7 le canzoni vengono riproposte e votate dalla giuria demoscopia, dalla sala stampa e dal pubblico a casa (che influirà il 40% sul gradimento totale). L’8 febbraio spazio ai riarrangiamenti e agli ospiti. In questa fase, la giuria demoscopica non voterà, mentre entrerà in gioco una giuria di esperti, composta dal presidente Mauro Pagani, Ferzan Ozpeteck, Camila Raznovic, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Jo Bastianich, il cui voto peserà il 20%. Sabato 9 si esibiranno nuovamente tutti i concorrenti e verrà eletto il vincitore.

 

I CANTANTI IN GARE E LE CANZONI

Trecento le proposte presentate al festival, 1.550 quelle iscritte a Sanremo Giovani, fra cui l’hanno spuntata Mahmood ed Einar che sono entrati direttamente nel gruppo, unico quest’anno, degli artisti in gara. Baglioni è riuscito a mettere insieme un cast molto variegato sia per età che per genere musicale – Achille Lauro, Motta, Ghemon, Ultimo, Mahmood, ad esempio, sono cantanti ascoltati dai giovanissimi e praticamente sconosciuti al pubblico “classico” di Rai1.

Ecco il gruppo dei 24:

  • ANNA TATANGELO, Le nostre anime di notte
  • MAHMOOD, Soldi
  • PAOLA TURCI, L’ultimo ostacolo
  • DANIELE SILVESTRI con RANCORE, Argento vivo
  • EX-OTAGO, Solo una canzone
  • MOTTA, Dov’è l’Italia
  • LOREDANA BERTÈ, Cosa ti aspetti da me
  • ENRICO NIGIOTTI, Nonno Hollywood
  • IRAMA, La ragazza col cuore di latta
  • GHEMON, Rose viola
  • NEK, Mi farò trovare pronto
  • NINO D’ANGELO e LIVIO CORI, Un’altra luce
  • ULTIMO, I tuoi particolari
  • THE ZEN CIRCUS, L’amore è una dittatura
  • FEDERICA CARTA e SHADE, Senza farlo apposta
  • ARISA, Mi sento bene
  • SIMONE CRISTICCHI, Abbi cura di me
  • ACHILLE LAURO, Rolls Royce
  • NEGRITA, I ragazzi stanno bene
  • EINAR, Parole nuove
  • PATTY PRAVO con BRIGA, Un po’ come la vita
  • BOOMDABASH, Per un milione
  • IL VOLO, Musica che resta
  • FRANCESCO RENGA, Aspetto che torni

 

VENERDì SERATA DI DUETTI

Si annuncia ricca di ospiti e di duetti inattesi la quarta serata, quella più attesa, di Sanremo. Tanti saranno gli artisti che calcheranno il palco dell’Ariston, invitati dai cantanti in gara. Tra gli altri Fabrizio Moro, Ermal Meta, Manuel Agnelli, Beppe Fiorello, Rocco Hunt, Irene Grandi, Syria, Bungaro ed Eleonora Abbagnato, Noemi, Giovanni Caccamo, Jack Savoretti, Cristina D’Avena, Diodato, Biondo.

 

I SUPEROSPITI

Sanremo si sa, oltre a catalizzare l’attenzione sulle canzoni in gara, è anche e soprattutto spettacolo televisivo. Riflettori puntati, dunque, sui superospiti. Ma se vi aspettate grandi nomi dello spettacolo internazionale rimarrete delusi: la 69° edizione sarà all’insegna dell’italianità. I superospiti (almeno quelli annunciati finora) sono tutti italiani: Andrea Bocelli con il figlio Matteo (prima serata); Elisa, Giorgia, Antonello Venditti, Alessandra Amoroso, Luciano Ligabue, Eros Ramazzotti, Fiorella Mannoia, Marco Mengoni, Riccardo Cocciante tra quelli musicali. Serena Rossi, Michele Riondino, Laura Chiatti, Pierfrancesco Favino e Michelle Hunziker, padroni di casa di successo dello scorso Sanremo.

 

IL DOPOFESTIVAL 

Saranno Rocco Papaleo con Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto, ogni sera dopo la gara, a intrattenerci in nottura dal Palazzo del Casinò, con il Dopofestival, sottotitolo “The dark side of Sanremo”. Il Dopofestival renderà omaggio alle stelle della musica e alle canzoni dell’Ariston, attraverso una scenografia che ha come tema centrale il cielo, le stelle e la luna.

 

LE POLEMICHE

Non esiste Festival di Sanremo senza polemiche, e neppure il Baglioni bis ne è esente. Dopo le dichiarazioni di Claudio Baglioni sui migranti, e l’errore nel comunicato stampa secondo cui la no flying zone sarebbe stata grande come l’Europa e parte dell’Africa (questione di una virgola che è diventata punto), a surriscaldare il clima della vigilia ci ha pensato Striscia la Notizia. Una serie di servizi hanno posto l’accento sul ruolo della Friends & Partners (F&P), la società di Ferdinando Salzano, manager che gestisce Baglioni e 10 su 24 dei cantanti in gara oltre una serie di super-ospiti, tra cui Antonello Venditti, Elisa, Ligabue e Alessandra Amoroso. Valerio Staffelli è pronto a consegnare un super tapiro d’oro al direttore artistico del Festival.

 

Ma come sempre, polemiche a parte, sarà la musica a parlare. Perchè Sanremo è Sanremo.

 

Previous article“Tramonto”: un mistery elegante ma con diverse ambiguità irrisolte
Next articleLIBROMANIA: New York, New York
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here