“Shantaram”: 3 motivi per vedere la serie AppleTV+ con Charlie Hunnam

Il protagonista mescola fascino e introspezione, le ambientazioni sono accurate ed evocative

I cosiddetti “mattoni letterari”, ovvero quei libri composti da mille e più pagine, mi hanno sempre trasmesso delle sensazioni contrastanti.

Da una parte sono portato a credere che l’autore abbia sofferto di una forma acuta di “incontinenza creativa”, perdendosi nella sua stessa ispirazione e diluendo l’idea di partenza con pagine inutili e/o ripetitive. Ma dall’altra le mille pagine potrebbero anche essere davvero necessarie, indispensabili per sviluppare la suddetta idea.

Fino a pochi giorni fa non conoscevo Gregory D. Roberts né il suo acclamato romanzo “Shantaram”, pubblicato in Italia da Neri Pozza i il 3 settembre 2009. Mi sono sentito quindi, come di consueto, inadeguato di fronte all’idea di recensire la serie omonima in uscita su AppleTV+ dal 14 ottobre.

Ma la curiosità da vecchio tele-dipendente ha preso il sopravvento sulle titubanze del redattore e mi sono immerso nella visione dei primi tre episodi. Dopo, per prima cosa ho cercato online le recensioni sul romanzo di Roberts, per avere conferma delle mie sensazioni.

Ebbene, caro lettore/spettatore, se la domanda è come giudico la rischiosa scommessa di AppleTV+ di adattare un romanzo così complesso, direi vinta, nel complesso. I primi tre episodi sono una lunga introduzione, una presentazione dei personaggi e dei luoghi. Il vero sviluppo della storia si vedrà nel proseguo.

Al netto di questo, ecco tre motivi per cui secondo me “Shantaram” vale una visione:

1 CHARLIE HUNNAM NEL RUOLO DEL PROTAGONISTA è credibile, intenso, ricco di sfumature, coniuga sulla scena bellezza fisica, fascino, forza interiore e tensione introspettiva. Il personaggio di Lin Ford, , potrebbe rivelarsi il ruolo della vita, per Hunnam

2 LA RICOSTRUZIONE DELL’INDIA DEGLI ANNI ’80 e soprattutto della città di Bombay è davvero notevole quanto ad accuratezza. Apple non ha badato a spese nelle ambientazioni, per solleticare l’attenzione e la curiosità dello spettatore.

3 LA SCENEGGIATURA dimostra di avere un alto potenziale, tenendo insieme in modo convincente storyline diverse senza mai perdere in pathos.



I primi tre episodi di “Shantaram” sono usciti su AppleTV+ il 14 ottobre. I restanti nove seguiranno, uno ogni venerdì fino al finale del 16 dicembre.

Previous articleRecensione di “Le dame di Grace Adieu e altre storie” di Susanna Clarke
Next article“Raymond & Ray”: un ibrido convincente tra dramma e commedia
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here