“Solo: a Star Wars Story” sarà presentato fuori concorso a Cannes

Le origini del pilota e contrabbandiere intergalattico e affascinante nel film diretto da Ron Howard

Nel 2018, una delle più grandi saghe della storia del cinema torna sul tappeto rosso di Cannes, dopo gli interventi del 2002 (Star Wars Episodio II – La guerra dei cloni) e del 2005 (Star Wars episodio III – La vendetta dei Sith).

“Solo – A Star Wars story”, diretto da Ron Howard (che è subentrato in corso d’opera alla coppia di registi originari, Phil Lord e Chris Miller) sarà presentato fuori concorso al Festival del cinema, prima di arrivare nelle sale italiane il 23 maggio.

Il secondo spin-off dopo “Rogue one” (2016) è ambientato 11 anni prima degli eventi di “Una nuova speranza” e racconta le origini di uno dei personaggi più amati della serie, il contrabbandiere, pilota e affascinante mascalzone Han Solo.

La ricerca dell’attore protagonista non è stata semplice. Dopo una lunga fase di casting la scelta è ricaduta sullo statunitense Alden Ehrenreich. L’attore ha le idee chiare, sulla caratterizzazione del personaggio ma anche sulla necessità di non proporre un’interpretazione fotocopia di quella di Harrison Ford.

“Han ha dei trascorsi molto duri – ha spiegato Ehrenreich in un’intervista. – Sognava di crearsi una vita migliore, di avere più libertà e autonomia. E in quel mondo, tutto questo significa essere il migliore tra i criminali.”

Insieme a lui Donald Glover nel ruolo del giovane Lando Calrissian, Joonas Suotamo in quello di Chewbacca, Woody Harrelson, Emilia Clarke. Del personaggio della star di “Game of Thrones”, Qi’ra, protagonista femminile della storia, si sa ancora molto poco. Stando a quanto rivelato dalla stessa Clarke in un’intervista, si tratta di una ragazza cresciuta insieme a Han, una “compagna di scorribande” dalla forte personalità.

Appuntamento al cinema a partire dal 23 maggio per vivere questa nuova avventura ambientata nella galassia lontana lontana, tra droni, criminali senza scrupoli, scorribande a bordo del Millenium Falcon e tanto divertimento.

 

Previous article“A beautiful day”: prossimo film cult o catastrofe incommensurabile?
Next articleSalone del Libro di Torino: gli appuntamenti di NN Editore
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here