“Sposami, stupido!”: un film leggero e divertente, con un cast sul pezzo

Tarek Boudali vuole divertire e raccontare i pregiudizi che ancora circondano il mondo LGBT

di Riccardo Carosella

 

Un film di Tarek Boudali. Con Tarek Boudali, Philippe Lacheau, Charlotte Gabris, Andy Rowsky, David Marsais. Commedia, 92′. Francia 2017

Yassine è un ragazzo marocchino che studia architettura a Parigi. Il giorno dell’esame decisivo non sente la sveglia e arriva tardi. Costretto a rientrare in patria, ricorre all’unico mezzo possibile per ottenere la cittadinanza francese: il matrimonio… con il suo migliore amico.

 

Arriva nelle sale italiane “Sposami, stupido!” di Tarek Boudali, una commedia francese spumeggiante e dai tempi comici importanti, con un cast di interpreti davvero bravi.

Yassine (Boudali) è un giovane marocchino che studia architettura a Parigi, ma un giorno non sente la sveglia e arriva in ritardo a un importante esame. Per poter restare in Francia deve ottenere la cittadinanza… e non trova miglior modo di riuscirci che sposarsi, con il suo migliore amico.

Boudali dirige e interpreta il film assieme a Philippe Lacheau, nei panni dell’amico Fred, cercando di divertire ed essere al contempo un pungente racconto sul mondo LGBT e tutti i pregiudizi e le paure che ancora lo circondano.

Difficile non notare un certa analogia con il film di con Adam Sandler “Vi dichiaro marito e marito”, soprattutto nella costruzione di alcuni personaggi, ma “Sposami, stupido!” ha un’anima tutta sua, merito anche della buona sceneggiatura, che esalta le doti dei due attori protagonisti.

Il film diverte e coinvolge… quanto basta per consigliare a tutti questa commedia dai risvolti sorprendenti e dal (sex) appeal garantito.

 

Previous article“Big Fish & Begonia”: una favola che fa volare con la fantasia
Next article“Una vita spericolata”: tra road movie e commedia generazionale
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here