Streaming addicted: cosa vedere online dal 12 al 18 dicembre

Ogni settimana serie tv e film da non perdere disponibili su Netflix, Amazon, Disney+, NOW

Mancano meno di due settimane a Natale, e tra la caccia frenetica al regalo perfetto per familiari e amici, le cene degli auguri e la preparazione di addobbi e decorazioni il tempo sembra volare via. Ma è bello anche godersi qualche momento di pace, a casa, magari in compagnia di un film o di una serie. 

Ormai lo sapete: per restare al passo con le nuove uscite “digitali” l’appuntamento da non perdere è quello del lunedì con la rubrica Streaming addicted, dove uno dei nostri redattori, a turno, stila la sua classifica delle migliori novità in uscita su Netflix, Prime Video, Disney+, Sky e NOW, Rai Play, Apple TV+.

Questa settimana lo streaming si discosta dalle atmosfere festive e natalizie, e regala piacevoli sorprese – anche fuori stagione. I film sono tre: un thriller d’ispirazione letteraria, il ritorno del maestro Alejandro G. Iñárritu, il debutto horror della scrittrice Nikyatu Jusu. E poi ci sono un reality show italianissimo e una nuova serie tv. Vediamo insieme tutti i titoli nel dettaglio. 

Cercate qualche buon motivo per vedere – o non vedere – una serie?
Noi di Parole a Colori ve ne diamo tre!
Cliccate sul titolo con l’asterisco per scoprirli nelle nostre recensioni

 

THE HANGING SUN – SOLE DI MEZZANOTTE
(12 dicembre, Sky Cinema/NOW)*

COSA CI PIACE: Vedere Alessandro Borghi in un ruolo inedito, e di ispirazione letteraria.

Dopo aver chiuso la Mostra del cinema di Venezia, il film di Francesco Carrozzini “The hanging sun – Sole di mezzanotte”, ispirato al thriller omonimo di Jo Nesbø, arriva su Sky Cinema e in streaming su NOW. Una storia ambientata nel gelido nord, che ben si adatta al periodo. Alessandro Borghi guida il cast internazionale. Insieme a lui, Jessica Brown Findlay, Charles Dance, Sam Spruell, Peter Mullan.

John ha deciso che non ucciderà più, contro il volere del padre e del fratello Michael. Ha lasciato la casa paterna ed è fuggito nel nord della Norvegia, ai confini del mondo. Ma il padre lo vuole indietro, e manda Michael a cercarlo affinché lo riporti da lui. Il paesino dove John si è rifugiato è una comunità fortemente religiosa guidata da un pastore convinto che “la paura ci protegge dal male che portiamo dentro”. Ma la figlia del pastore, Lea, e suo figlio Caleb il Male l’hanno già in casa, nella persona del marito e padre Aaron. John si imbatterà in loro e non riuscirà più a mantenere quel distacco dal mondo che si era augurato.

 

IL MISTERO DEI TEMPLARI – LA SERIE
(dal 14 dicembre, Disney+)*

COSA CI PIACE: Un franchise di successo che rinasce grazie a una giovane e talentuosa protagonista. 

Dopo il grande successo del film “Il mistero dei Templari”, uscito nel 2004, e del sequel “Il mistero delle pagine perdute” (2007), la serie ispirata al franchise debutta su Disney+ il 14 dicembre con i primi due episodi, seguiti da un nuovo episodio ogni mercoledì. Insieme a Lisette Olivera, che interpreta la protagonista, ci sono Zuri Reed nel ruolo di Tasha, l’amica di Jess, Antonio Cipriano nei panni di Oren,  Jordan Rodrigues nel ruolo di Ethan. E ancora Jake Austin Walker, Catherine Zeta-Jones, Lyndon SmithHarvey Keitel, che riprende il ruolo di Peter Sadusky.

La vita di Jess Valenzuela (Lisette Olivera) viene stravolta quando un enigmatico sconosciuto le dà un indizio su un tesoro secolare che potrebbe essere collegato a suo padre, morto da tempo. Jess ha un talento per risolvere gli enigmi e la sua abilità viene messa alla prova quando lei e i suoi amici seguono una serie di indizi nascosti in manufatti e monumenti americani. Ma riuscirà a superare in astuzia un trafficante di antichità del mercato nero in una corsa per trovare il più grande tesoro perduto della storia e scoprire la verità sul passato della sua famiglia?

 

BARDO – LA CRONACA FALSA DI ALCUNE VERITÀ
(16 dicembre, Netflix)*

COSA CI PIACE: La bellezza visiva del film di Iñárritu che si combina con una ricerca esistenziale che parla a ognuno di noi. 

Il vincitore di cinque premi Oscar Alejandro G. Iñárritu, dopo sette anni da “Revenant”, torna dietro la macchina da presa con “BARDO, la cronaca falsa di alcune verità”. Il film, presentato alla Festa del cinema di Roma, è un’esperienza epica, coinvolgente e con immagini mozzafiato che segue il percorso intimo e commovente di Silverio Gama, un noto giornalista e documentarista messicano che vive a Los Angeles, interpretato magistralmente dall’attore messicano Daniel Gimenez Cacho.

Dopo aver vinto un prestigioso premio internazionale, Silverio si sente obbligato a tornare nel paese natio, ignaro del fatto che questo viaggio lo spingerà verso i propri limiti esistenziali. La follia dei suoi ricordi e delle sue paure si estende al presente, infondendo un senso di stupore e meraviglia nella sua quotidianità. Tramite emozioni e grandi risate, Silverio si pone domande universali ma intime riguardo all’identità, al successo, alla mortalità, alla storia del Messico e ai profondi legami familiari che condivide con la moglie e i figli. Ovvero, cosa significa essere umani in questo particolare periodo.

 

NANNY (16 dicembre, Prime Video)

COSA CI PIACE: La scrittrice Nikyatu Jusu, specializzata nella creazione di complessi personaggi femminili, alla prima prova da regista. 

Il film d’esordio della scrittrice e regista Nikyatu Jusu, “Nanny”, arriva in streaming su Prime Video dopo essere stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival, dove ha vinto il Gran premio della giuria. Protagonista di questo horror psicologico Anna Diop (US). Con lei nel cast Michelle Monaghan, Sinqua Walls, Morgan Spector, Rose Decker Leslie Uggams.

Aisha (Diop), recentemente emigrata dal Senegal, viene assunta per prendersi cura della figlia di una coppia benestante che vive a New York. Tormentata dall’assenza del figlio che ha lasciato nel suo Paese d’origine, Aisha spera che il nuovo lavoro le offra la possibilità di portarlo negli Stati Uniti. Mentre l’arrivo del figlio si avvicina, però, una presenza violenta inizia a invadere sia i suoi sogni che la sua realtà, minacciando il sogno americano che sta con cura tentando di realizzare.

 

SUMMER JOB (16 dicembre, Netflix)

COSA CI PIACE: Leggerezza, sole, spiagge e acque cristalline per un “dirty pleasure” dal sapore estivo. Perché il freddo non può durare per sempre… 

Dieci concorrenti di età compresa tra i 18 e i 23 anni, una location paradisiaca, una vacanza da sogno che si trasforma in qualcosa di molto diverso: sono questi gli ingredienti di “Summer job”, il primo reality show italiano prodotto da Netflix. Matilde Gioli, al debutto nel ruolo di conduttrice, accompagna i concorrenti nell’arco degli otto episodi.

Ai giovani viene fatto credere di essere stati scelti per trascorrere una vacanza da sogno in una villa in Messico, sulla riviera Maya. Dopo le prime 24 ore di vacanza, con tutti i comfort a disposizione, le carte in tavola cambiano: per continuare l’avventura dovranno fare qualcosa che non hanno mai fatto prima: lavorare!

 

E anche per questa settimana è tutto. Non dimenticate di commentare online e sui social quello che avete visto. Con la rubrica Streaming addicted vi diamo appuntamento al 19 dicembre quando la nostra direttora, Roberta Turillazzi, vi accompagnerà tra le nuove uscite nella settimana che porta al Natale. 

Previous article“Il Gatto con gli Stivali 2 – L’ultimo desiderio”: un sequel riuscito
Next article“The hanging sun”: il noir nordico di Carrozzini, pallido e dimenticabile
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here