Streaming addicted: cosa vedere online dal 19 a 25 settembre

Ogni settimana serie tv e film da non perdere disponibili su Netflix, Amazon, Disney+, NOW

Lestate è davvero finita, e con la ripresa delle scuole – e dei cambiamenti nel meteo anche un po’ troppo repentini, per i miei gusti – è il momento di appendere sandali e costumi al muro. Ma niente paura, settembre porta con sé anche tante belle novità, come la scoppiettante programmazione al cinema e in streaming.

Per restare al passo con le nuove uscite “digitali”, ogni lunedì c’è la rubrica Streaming addicted, dove uno dei nostri redattori, a turno, stila la sua classifica delle novità da non perdere in uscita su Netflix, Prime Video, Disney+, Sky e NOW, Rai Play, Apple TV+.

Una docu-serie su un discusso personaggio della televisione italiana e le sue vicende anche giudiziarie; un film esplosivo presentato all’ultima Mostra del cinema. E ancora tre serie, due esordi e un’attesa seconda stagione. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. 

* Cercate qualche buon motivo per vedere – o non vedere – una serie?
Noi di Parole a Colori ve ne diamo tre!
Cliccate sul titolo con l’asterisco per scoprirli nella nostra recensione
 

ANDOR (dal 21 settembre, Disney)*

COSA CI PIACE: La possibilità di scoprire le origini della ribellione, e un periodo dell’universo di Star Wars che resta ancora avvolto in un certo mistero. 

Debutterà su Disney+ il 21 settembre con i primi tre episodi dei 12 previsti “Andor”, la serie ambientata nell’universo di Star Wars e immaginata come prequel del film “Rogue One” (la storia è ambientata 5 anni prima del film). Diego Luna torna a vestire i panni del protagonista, mentre Genevieve O’Reilly, una veterana del franchise di Star Wars, interpreta nuovamente Mon Mothma. Accanto a loro Stellan Skarsgård, Adria Arjona, Denise Gough, Kyle Soller.

In un’epoca piena di pericoli, inganni e intrighi, mentre i pianeti della galassia iniziano a coalizzarsi contro l’Impero e la ribellione prende forma, la spia Cassian Andor intraprende un viaggio che lo porterà a scoprire come può fare la differenza, un viaggio che lo trasformerà nell’eroe ribelle che tutti conosciamo.

 

WANNA (21 settembre, Netflix)*

COSA CI PIACE: 22 testimonianze e 60 ore di interviste per la ricostruzione dei lati meno noti della storia di Wanna Marchi e di un momento cruciale della TV italiana.

La docu-serie Netflix, composta da 4 episodi, si propone di far luce sui fatti accaduti in Italia negli anni ’80 e ’90, quando le televendite spopolavano e Wanna Marchi ne era la regina indiscussa. Attraverso 22 testimonianze, 60 ore di interviste e immagini tratte da oltre 100 ore di materiali d’archivio, gli sceneggiatori ricostruiscono la vicenda ma anche i cambiamenti del mondo della tv italiana. 

Lo stile aggressivo con cui Wanna Marchi si rivolge agli spettatori è il marchio di fabbrica degli show in cui propone creme dimagranti miracolose, insieme al suo unico e vero braccio destro, la figlia Stefania. Dopo essere cadute in disgrazia, si reinventano commercializzando qualcosa di inedito: la fortuna. Insieme a Maestro di vita Do Nascimento, le Marchi vendono amuleti e numeri benedetti. Ma si tratta solo di un’enorme truffa, realizzata grazie a una complice insospettabile, la televisione.

 

PRISMA (21 settembre, Prime Video)*

COSA CI PIACE: Ludovico Bessegato e Alice Urciuolo, le menti dietro al fenomeno “Skam Italia”, alle prese con un nuovo progetto giovane e innovativo. 

Sarà disponibile dal 21 settembre su Prime Video “Prisma”, la nuova serie teen/young adult italiana in 8 episodi diretta da Ludovico Bessegato – che è anche sceneggiatore insieme ad Alice Urciuolo. Orientamento sessuale, fluidità di genere, accettazione del proprio corpo sono solo alcune delle tematiche affrontate da questa serie che parla di e ai giovani con uno stile attuale e un montaggio serrato. 

Marco e Andrea sono due gemelli adolescenti (interpretati entrambi dall’esordiente Mattia Carrano), identici nell’aspetto ma profondamente diversi per temperamento e inquietudini. Insieme agli amici, affronteranno un percorso di crescita e scoperta di sé nella città di Latina, immagine della periferia italiana. 

 

PETRA (dal 21 settembre, Sky Atlantic/NOW)*

COSA CI PIACE: Quattro nuove storie di Petra Delicato, con Paola Cortellesi in grandissima forma. 

Torna su Sky Atlantic e in streaming su NOW, dove aveva debuttato nel 2020 con la prima stagione, “Petra”, la serie italiana ispirata alle indagini di Petra Delicado, il personaggio creato da Alicia Giménez-Bartlett. Paola Cortellesi torna a prestare il volto alla protagonista, un ispettore della mobile di servizio a Genova anticonformista e solitaria. Insieme a lei nel cast, Andrea Pennacchi, Antonio Zavatteri, Diego Ribon.

Petra Delicato e il suo vice, Antonio Monte, sono alle prese con quattro nuove indagini: un omicidio all’interno di un comprensorio esclusivo, una catena di morti tra i senza fissa dimora, un duplice assassinio durante il Carnevale e il furto di una pistola “particolare”. Forti del loro rapporto ormai consolidato, Petra e Antonio sembrano avere trovato l’equilibrio perfetto. Si potrebbe pensare che non abbiano bisogno d’altro per essere felici, ma la vita riserva sempre delle sorprese. 

 

ATHENA (23 settembre, Netflix)*

COSA CI PIACE: Il ritmo serrato di questo film, che racconta le periferie senza risparmiare nulla. 

È stato presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2022 “Athena”, il nuovo film del regista francese Romain Gavras. Un concentrato di esplosioni, rumore e violenza che simula la tragedia greca classica per porre l’accento sulla situazione drammatica delle periferie francesi. 

Dopo la morte del fratello minore a causa di un presunto scontro con la polizia, Abdel viene richiamato a casa dalla prima linea e ritrova la sua famiglia devastata. Intrappolato tra il desiderio di vendetta del fratello minore Karim e gli affari criminali del fratello maggiore Moktar, cerca con fatica di calmare le tensioni sempre più aspre. Quando però la situazione degenera, Athena, la loro comunità, si trasforma in una fortezza sotto assedio, diventando così la scena di una tragedia per la famiglia e non solo…

 

E anche per questa settimana è tutto. Passo la parola a Roberta Turillazzi che curerà il prossimo appuntamento con la rubrica Streaming addicted, quello di lunedì 26 settembre. Buona visione! 

Previous article“Cobra Kai”: 3 motivi per cui la 5° stagione della serie è da dimenticare
Next article“Maigret”: un adattamento classico per un personaggio iconico
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here