“Supereroi”: il nuovo film di Genovese, un album di istantanee di una coppia

Vent'anni della vita di Anna e Marco, in un flusso continuo avanti e indietro nel tempo

Un film di Paolo Genovese. Con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Greta Scarano, Vinicio Marchioni, Linda Caridi. Commedia, 113′. Italia 2021

Milano. Anna e Marco si incrociano per la prima volta mentre si stanno riparando dalla pioggia. Lei è un’aspirante fumettista, dinamica e dal carattere impulsivo. Lui è un professore di fisica che crede che dietro ogni nostro comportamento ci sia una spiegazione logica. Si rivedono, finiscono a letto insieme. Poi si separano di nuovo. Marco è fidanzato con Pilar, con cui sta per andare a convivere, Anna convive con Tullia. Ma il loro destino è quello di stare insieme. Nel corso degli anni la loro coppia si regge su un equilibrio, ora stabile ora molto precario. Emergono incomprensioni, fughe, scontri, cose non dette. Ma anche momenti di intensa felicità. Intanto il tempo passa e anche loro cambiano.

 

Una coppia è tale se dura. Altrimenti sono solo due persone che stanno insieme.

Adattamento per il cinema del romanzo omonimo di Paolo Genovese, che ne è anche sceneggiatore e regista, “Supereroi” è un dramma sentimentale che racconta, nell’arco temporale di vent’anni, la storia d’amore tra Anna (Trinca) e Marco (Borghi).

Chi sono i supereroi dei nostri tempi? Genovese immagina siano le coppie, quelle che non si lasciano, quelle che riescono a resistere agli scossoni e agli imprevisti della vita, quelle che non permettono al tempo che passa di scalfirle.

È proprio il tempo il filtro attraverso cui il regista romano racconta la sua storia. E questo flusso continuo avanti e indietro negli anni diventa un mezzo per mostrare come cambiano fisicamente i due protagonisti, come affrontano situazioni simili che tendono a ripresentarsi e nuove difficoltà, come si trasformano i rispettivi sentimenti.

Anna, fumettista dal carattere impulsivo, nemica delle convenzioni, e Marco, professore di fisica convinto che ogni fenomeno abbia la sua spiegazione: a tenerli insieme è un’incognita che nessuna formula può svelare. Perché lasciarsi, per certi versi, è una soluzione semplice; ma per amarsi tutta una vita servono davvero i superpoteri.

Tra Milano, Marrakech, Copenhagen, Lucca e Ponza, “Supereroi” colleziona istantanee come un album di ricordi. Ma questo flusso di immagini a volte diviene confuso, forse a causa di un montaggio nervoso che non permette di cogliere appieno il momento oppure dell’eccesso di dialoghi. 

La sceneggiatura, comunque, è coraggiosa con il suo mescolare spunti tipici della commedia sentimentale con elementi del mondo dei fumetti e teorie fisiche. Bella anche la colonna sonora, dove spicca il nuovo singolo di Ultimo.

Ma è nella coppia protagonista, formata da Alessandro Borghi e Jasmine Trinca, che il film riesce a esprimere al meglio il suo potenziale. La sintonia e l’alchimia tra i due attori è evidente e la regia riesce a coglierne ogni sfumatura.

Un viaggio senza sconti all’interno della vita di una coppia, uno di quei film che lentamente ti entrano dentro e che ci rimangono. Un consiglio: tenere i fazzoletti a portata di mano.

Previous article“Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto”: un sequel riuscito, divertente e serio insieme
Next article“Il capo perfetto”: una dark comedy avvincente sul mondo del lavoro
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here