TFF 2019: “A white, white day” di Hlynur Pálmason è il miglior film

Giuseppe Battiston e Stefano Fresi migliori attori per il film "Il grande passo" di Antonio Padovan

Cala il sipario sulla 37° edizione del Torino Film Festival, che ha animato il capoluogo piemontese dal 22 al 30 novembre, con la consegna dei premi del Concorso ufficiale e delle altre sezioni competitive.

Il miglior film è “A white, white day” (Hvítur, hvítur dagur) di Hlynur Pálmason, storia di dolore, vendetta e amore incondizionato ambientata in una remota cittadina islandese. Un capo della polizia in congedo sospetta che un uomo del posto abbia avuto una relazione con sua moglie, morta in un tragico incidente due anni prima. Gradualmente la ricerca della verità diventa un’ossessione…

C’è gloria anche per l’Italia, con il premio per il miglior attore assegnato, ex aequo, a Giuseppe Battiston e Stefano Fresi per il film “Il grande passo” di Antonio Padovan, storia di due fratelli molto diversi che si trovano da soli di fronte a un’impresa impossibile.

“Raccontando questa storia ho voluto rendere omaggio a due mondi del cinema che amo – ha spiegato il regista. – Da un lato quello americano, un po’ infantile e sentimentalista, con cui sono cresciuto da bambino: il cinema di sognatori come Steven Spielberg, dell’inno alla meraviglia. Dall’altro il cinema della mia terra, quello silenzioso e sincero, creato da artigiani come Carlo Mazzacurati, fatto di spazi dilatati, di sentimenti delicati e autentici, traboccante di affetto per la normalità”.

Vediamo insieme tutti i premi del Concorso ufficiale del TFF 2019:

  • Miglior film a: A WHITE, WHITE DAY di Hlynur Pálmason (Islanda/Danimarca/Svezia)
  • Premio Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a: LE RÊVE DE NOURA di Hinde Boujemaa (Tunisia/Francia/Qatar)
  • Premio per la Miglior attrice a: VIKTORIA MIROSHNICHENKO e VASILISA PERELYGINA, per il film “Beanpole” di Kantemir Balagov (Russia)
  • Premio per il Miglior attore a: GIUSEPPE BATTISTON e STEFANO FRESI per il film “Il grande passo” di Antonio Padovan (Italia)
  • Premio per la Miglior sceneggiatura a: WET SEASON di Anthony Chen (Singapore /Taiwan)
  • Premio del pubblico a: MS. WHITE LIGHT di Paul Shoulberg (Stati Uniti)

 

E chiuso questo intrigante capitolo è già il momento di guardare avanti. Appuntamento dal 20 al 28 novembre 2020 per il 38° Torino Film Festival.

 

Previous article“A Tor Bella Monaca non piove mai”: un esordio sincero e ruspante
Next article“Zarina”: recensione del romanzo di Ellen Alpsten edito da DeA Planeta
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here