“The new Pope”: John Malkovich è il nuovo Papa nella serie di Sorrentino

I nuovi episodi sono una spanna sopra ai precedenti, ma è impossibile dimenticare Jude Law

Una serie di Paolo Sorrentino. Con Jude Law, John Malkovich, Silvio Orlando, Javier Cámara, Cécile de France. Drammatico. Italia, Spagna. 2019-in produzione

 

Papa Pio XIII (Law) è in coma e, dopo una parentesi imprevedibile quanto misteriosa, il cardinal Voiello (Orlando) riesce a far salire al soglio pontificio Sir John Brannox (Malkovich). Cosa ne sarà della Chiesa sotto Giovanni Paolo III?

Dopo un riassunto di quanto visto nel 2016 in “The young Pope”, alla Mostra del cinema di Venezia sono stati proiettati due episodi (il 2 e il 7) di “The new Pope”. Annunciata inizialmente come seconda stagione della serie, si tratta in realtà di una storia su un nuovo Papa, sempre ambientata nella Città del Vaticano.

Esteticamente impeccabile, accattivante dal punto di vista narrativo ed estremamente ricca quanto interpreti, il nuovo Papa è una spanna sopra al giovane Papa che l’ha preceduto. La partenza è sicuramente col botto, e si percepisce il tocco di Paolo Sorrentino, il suo marchio di fabbrica.

La proiezione del settimo episodio viene preceduta, a Venezia, da un riassunto, ma molti giornalisti lasciano la sala, me compresa. Penso che una serie di questo calibro e di questa bellezza debba essere assaporata un po’ alla volta, in modo lineare, senza spoiler. Ci vediamo su Sky Atlantic, quindi.

Il personaggio interpretato da John Malkovich è eccezionale, ricco di sfaccettature, capace di conquistare il pubblico fin da subito. Fa quasi dimenticare Lenny/Jude Law, in coma. Quasi.

 

Previous article“La Llorona”: quando la vendetta e la giustizia sono questioni “da fantasmi”
Next article“Beware of children”: un dramma scandinavo dagli interessanti risvolti
Avatar
Classe 1996, marchigiana d’origine, studia comunicazione a Roma e ha trovato il modo di coniugare la passione per il cinema e quella per la scrittura... Come? Scrivendo sul e per il cinema dal 2015. Ha all'attivo diverse esperienze sul set, con registi del calibro di Matteo Garrone, e sogna un giorno di veder realizzato il suo film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here