“Tre”: recensione del romanzo di Valérie Perrin edito da e/o

Una bella storia di amicizia e scoperta di sé, tra la Francia di fine anni '80 e il presente

È uscito in libreria il 28 giugno per edizioni e/o Tre, il nuovo romanzo di Valérie Perrin, autrice del best-seller “Cambiare l’acqua ai fiori”. Una storia di amicizia, amore, accettazione e scoperta di sé. 

1986. Adrien, Étienne e Nina si conoscono in quinta elementare. Molto rapidamente diventano inseparabili e uniti da una promessa: lasciare la provincia in cui vivono, trasferirsi a Parigi e non separarsi mai.

2017. Un’automobile viene ripescata dal fondo di un lago nel piccolo paese in cui sono cresciuti. Il caso viene seguito da Virginie, giornalista dal passato enigmatico. Poco a poco Virginie rivela gli straordinari legami che uniscono quei tre amici d’infanzia. Che ne è stato di loro? Che rapporto c’è tra la carcassa di macchina e la loro storia di amicizia?

Lo premetto: io “Cambiare l’acqua ai fiori” – che tanto e bene ha fatto parlare di sé, vincendo anche il Prix Maison de la Presse nel 2018 – non l’ho letto, quindi mi sono avvicinata alla Perrin e al suo nuovo romanzo, “Tre”, senza alcun pregiudizio o aspettativa. Che in casi come questo può essere un bene.

Ho trovato il libro ben scritto, emotivamente toccante, a suo modo avvincente, anche se un po’ lungo. Nella parte centrale si ha come la sensazione che la storia arranchi, andando avanti davvero a piccolissimi passi. Personalmente credo che tagliare qualche decina di pagine avrebbe giovato all’architettura complessiva del racconto – in sintesi, non si sarebbe perso nulla di fondamentale, togliendo invece di continuare ad aggiungere.

Al di là di questo, “Tre” è un bel romanzo, multiforme, capace di giustapporre “passato” e presente in modo armonioso e ricchissimo di spunti di riflessione. È la storia di un’amicizia e della crescita di tre ragazzini in un paesino della Francia, dagli anni ’80 a oggi, ma anche quella della scoperta e dell’accettazione di sé, a tutti i livelli (emotivo, sessuale, psicologico). È una storia d’amore, una storia familiare, un giallo.

“Tre” è ricchissimo di emozioni, fa riflettere su molti elementi – ad esempio cosa significa crescere, come le amicizie d’infanzia ci condizionano nel processo, l’influenza del mondo esterno nelle nostre scelte di vita – e fa soffrire fisicamente insieme ai protagonisti. Ad esempio io ho trovato davvero toccanti le parti sulla scuola elementare, con Adrien vessato dal maestro, e poi più avanti, quelle in cui Nina vive una sorta di annullamento emotivo in seguito a un matrimonio sbagliato.

Il finale è profondo, a suo modo aperto ma lascia anche uno spiraglio di ottimismo per il futuro. Non è dato sapere cosa sia successo “dopo” ai tre protagonisti, ma ci piace pensare che, qualsiasi cosa, l’abbiano poi affrontata insieme. Nina in mezzo, Adrien ed Étienne ai lati. 

Previous article“Una storia d’amore e desiderio”: un film generazionale poetico e intenso
Next article“Nitram”: alle origini di un killer e di un massacro, quello di Port Arthur
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here