“Troppo cattivi”: un gangster movie animato, divertente e brioso

La fortunata graphic novel per ragazzi di Aaron Blabey arriva al cinema, tra risate e crime

Un film di Pierre Perifel. Con Sam Rockwell, Awkwafina, Craig Robinson, Marc Maron, Zazie Beetz. Animazione, 100′. USA 2022

Sono astuti, spavaldi, intelligenti, sono anche cattivi, ma “molto bravi ad esserlo”. Sono Mr Wolf, il George Clooney della banda, Mr Snake, il più perfido, Shark, genio del travestimento, Piranha, tutto denti e gonfi muscoli, e Miss Tarantula, per gli amici Webs, hacker di piccole dimensioni e grande cervello. Tutto quello che chiedono è continuare a rubare e a farla franca, per scappare su un’auto da corsa e godersi le loro facce al telegiornale, seduti comodamente sul divano del loro covo segreto. Ma l’arrivo della governatrice Foxington cambia tutto. Questa volta, se i Toppo Cattivi vogliono sfuggire alla cattura non hanno altra possibilità che fingersi troppi buoni, per vincere il Premio del Buon Samaritano e rubare finalmente l’agognato Delfino d’oro.

 

Essere cattivi, ma davvero tanto cattivi, non è affatto semplice. Bisogna impegnarsi, aggiornarsi, studiare affinché tale status sia riconosciuto dal resto del mondo. Ma in ultima analisi, la cattiveria è un’inclinazione naturale o una “abilità” che si può acquisire col tempo e l’impegno? E la bontà è connaturata al proprio aspetto, oppure si può in qualche modo imparare?

Gli sceneggiatori Etan Cohen e Hilary Winston adattano per il grande schermo la fortunata graphic novel per ragazzi di Aaron Blabey “Troppo cattivi”, edita in Italia da Fabbri. Il risultato è un film d’animazione leggero ma mai banale, con personaggi ben costruiti e tematiche importanti al centro.

Mr. Wolf e la sua banda – Mr Snake, Shark, Piranha e Miss Tarantula – sono cattivi leggendari, abituati a fare paura alle folle con la loro semplice apparizione. Ma un’imprevista buona azione porta il leader della banda a mettere in dubbio tutta la sua vita: come sarebbe essere applaudito invece che temuto? E da qui prende il là l’avventura…

“Troppi cattivi” è un film d’animazione godibile, gioioso, buffo, ricco di citazioni e omaggi cinematografici, nonostante alcuni passaggi lenti e altri un po’ retorici. Pierre Perifel, al debutto nel lungometraggio, porta sicuramente a casa il risultato.

L’apparenza inganna, recita il detto. Ma se la società tende a dividere le persone in categorie, e mettere ai margini coloro che sono “diversi”, anche per i super cattivi è possibile avere una seconda occasione, e dimostrare di non essere brutti come li si dipinge. O forse no.

 

Il biglietto da acquistare per “Troppo cattivi” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto. Sempre.

Previous articleI FANTASTICI 4 | Omaggio a Jessica Chastain, fresca vincitrice dell’Oscar
Next article“Assassinio sul Nilo”: un film corale, classico ma con un quid moderno
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here