“Un amore così grande”: il cast e il regista presentano a Roma il film

L'ambientazione veronese, la storia d'amore, la partecipazione de Il Volo e l'inserimento della lirica

di Massimo Vozza

 

Arriverà nelle sale italiane il 20 ottobre il film “Un amore così grande” di Cristian De Mattheis, con Giuseppe Maggio, Francesca Loy, Franco Castellano, Eleonora Brown, Fioretta Mari e i tre cantanti de Il Volo a interpretare se stessi.

I produttori Michele Calì e Federica Andreoli, il regista e i membri del cast hanno presentato la pellicola a Roma. Ad aprire le danze è stato De Mattheis che ha spiegato cosa lo ha spinto a prendere parte a questo progetto.

“L’elemento della sceneggiatura che più mi ha colpito è stata la semplicità, soprattutto rispetto alla storia d’amore, trattata in modo simile a come viene trattata nell’opera lirica, accostandola al percorso di formazione del protagonista, giocando a volte con degli elementi di Romeo e Giulietta, sottolineati anche dall’ambientazione veronese”.

Il produttore Michele Calì ha sottolineato invece la grande importanza che i tre componenti de Il Volo hanno avuto per il film. A partire dal titolo, che rimanda non solo alla canzone omonima di Guido Maria Ferilli del 1976, ma anche a “Grande amore” del 2015.

“Siamo partiti dalla storia d’amore, ma serviva un tramite per arrivare al pubblico, soprattutto quello più giovane. Avevamo pensato inizialmente a Marco Mengoni, che però non ha nulla a che fare con il mondo lirico. È stato naturale rivolgerci a Il volo, che solo in Italia ha un seguito enorme, le volovers sono oltre 400 mila. Li abbiamo resi una parte integrante della storia, e loro sono diventati un valore aggiunto del film”.

E a chi gli dice che questo discorso sembra un po’ utilitaristico, da imprenditore pure, Calì risponde: “Chi vuole fare cinema oggi deve fare i conti con la distribuzione, altrimenti non va da nessuna parte”.

Fioretta Mari e Francesca Loy alla presentazione romana di “Un amore così grande”.

Fioretta Mari ci ha tenuto ad elogiare il lavoro dei giovani del cast – Francesca Loy, ad esempio, è un’esordiente – umili e pronti a impegnarsi, passando in un secondo momento a parlare del suo personaggio, una nonna particolare.

“Per il colore dei capelli mi sono ispirata alla Miranda Priestley del Diavolo veste Prada, interpretata da Meryl Streep”.

Riccardo Polizzy Carbonelli, invece, ha raccontato delle difficoltà ma anche degli aspetti interessanti di vestire i panni di un manager integerrimo, che in parte si ispira a quello de Il Volo.

“Dopo tanti cattivi è stato anche bello interpretare un personaggio positivo, che sostiene il talento in un periodo come questo, dove le opportunità di emergere, soprattutto per i giovani, non sono tantissime”.

 

Previous article“Non dirlo al mio capo”: al via la seconda stagione della fiction Rai
Next articleI FANTASTICI 4 | Omaggio ad Alfonso Cuarón, vincitore del Leone d’Oro
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here