Vacanze da lettori: diventare librai in Scozia per una settimana

Da oggi i tour nei luoghi della vita e delle opere di Jane Austen e i parchi a tema di Harry Potter potrebbero non essere più le mete preferite per le vacanze degli amanti dei libri. Sì perché da oggi potrete niente meno che vivere per una settimana sopra una libreria – e gestire voi l’attività.

A Wigtown, la città scozzese del libro, The Open Book accoglie i viaggiatori e i turisti che vogliono passare sette giorni vendendo romanzi, formandoli alla professione e permettendo anche a ciascuno di dare il proprio tocco personale, disponendo i libri secondo il proprio stile o creando eventi speciali.

Tutti quelli che approfittano di questa offerta sono anche invitati a parlare dell’esperienza sul blog the Open Book’s blog.

Wigtown, The Book Shop
Wigtown, The Book Shop

Anche se la vacanza nella libreria è stata messa su AirBnB – il portale dedicato all’affitto di appartamenti e stanze più conosciuto – da poco tempo, le prenotazioni superano già l’anno. A vigilare sulla buona riuscita dell’iniziativa, il Wigtown Book Festival, che hanno preso in affitto il locale da una famiglia del posto. “Vendere libri in una cittadina di provincia non è una passeggiata, quindi parlare di vacanze non è proprio esatto” ha dichiarato Adrian Turpin, il direttore del festival del libro locale. Ma in ogni caso, gli ospiti, che spaziano dai librari americani agli artisti agli impiegati, sono entusiasti del soggiorno.

I visitatori sono anche incoraggiati a chiudere il negozio per un giorno o due, così da avere del tempo per immergersi nel paesaggio locale, che comprende non solo l’adorabile cittadina di Wigtown ma anche le vedute del sud della Scozia, il Devil’s Porridge Museum, alcuni castelli, e il paese di Gretna Green, dove coppie di inglesi minorenni sono venute per secoli, e continuano a venire, a sposarsi.

La permanenza in libreria ha un costo abbordabile, 150 pound a settimana (200 euro circa). Il denaro viene utilizzato per le spese di gestione dell’appartamento e anche per aiutare a mantenere in attivo il negozio.

Se alla notizia siete già pronti a prenotare il primo volo, vi conviene organizzarvi. La Open Book è al completo per diverso tempo e, prima del vostro turno, dovrà passare un po’ di tempo.


Fonte

Previous articleAl cinema: Forever young
Next articleI Cofaletti: prodotti d’uso comune che nascondono libri e cultura
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here