WEEKEND AL CINEMA | 12 nuove uscite dal 9 maggio 2019

In ogni appuntamento un focus su tutte le novità in sala, tra maxi produzioni, film di nicchia, italianità

È tutto pronto per la 72° edizione del Festival di Cannes, che seguiremo in diretta dalla croisette dal 14 maggio al 25 maggio. Per chi non può fare i bagagli e partire, le novità al cinema sono tante e interessanti.

Con il nostro appuntamento con le nuove uscite cinematografiche potete orientarvi senza sforzo nel mare magnum delle novità. Per ogni film, le specifiche tecniche, la sinossi, qualche curiosità e, dove possibile, la recensione.

I film in uscita la settimana del 9 maggio sono 12. Buona visione!

L’asterisco indica che è già disponibile su Parole a Colori la recensione in anteprima del film (la trovi cliccando sul titolo)

 

Data di uscita: 6 maggio 2019

JOHN MCENROE – L’IMPERO DELLA PERFEZIONE

di Julien Faraut. Con John McEnroe, Ivan Lendl, Mathieu Amalric. Documentario, 91′. Francia 2018

Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece dal vero ciò che un campione faceva nel corso di una gara. Il soggetto prescelto fu John McEnroe.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME?*

di Roberto Minervini. Con Judy Hill, Dorothy Hill, Michael Nelson, Ronaldo King, Titus Turner, Ashley King. Documentario, 123’. Italia, Francia, USA, Danimarca, Belgio 2018

Il costume di piume e perle brillanti di Big Chief Kevin Goodman, colto mirabilmente nell’epilogo dalla “fotosensibilità” di Roberto Minervini, è qualcosa difficile da comprendere per gli spettatori europei. Confluenza di minorità oppresse, è un costume di ispirazione indiana indossato da un afroamericano e cucito idealmente dal regista per rendere conto di quelle minoranze, di quei luoghi di forte métissage, dove convivono culture antiche e tradizioni radicate. Dopo l’incandescenza di “Louisiana”, ficcato nello stato omonimo, Roberto Minervini trasloca a Baton Rouge restando fedele a quella porzione di Sud venduto da Napoleone per quindici milioni di dollari. Se per il resto del Paese la Louisiana è una sorta di gigantesca festa permanente dove non ci si preoccupa che della musica e della cucina, dove la gente non fa altro che cantare e suonare nelle strade, la realtà smentisce lo stereotipo e rivela una complessità che impone rispetto.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

I FIGLI DEL FIUME GIALLO*

di Jia Zhangke. Con Zhao Tao, Liao Fan, Feng Xiaogang, Yinan Diao, Zheng Xu, Yibai Zhang. Drammatico, 150′. Cina, Francia, Giappone 2018

Datong, 2001. Qiao e Bin gestiscono una bisca, finché un agguato attenta alla vita di Bin. Per salvarlo Qiao spara in aria e viene arrestata. Uscirà di prigione cinque anni dopo, ma Bin ha cambiato vita a Fengjie e non vuole più vederla.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

IL GRANDE SPIRITO*

di Sergio Rubini. Con Rocco Papaleo, Sergio Rubini, Ivana Lotito, Bianca Guaccero, Geno Diana, Alessandro Giallocosta. Commedia, 113′. Italia 2019

Tonino è un ladruncolo sempre in cerca del grande colpo di fortuna: che sembra finalmente arrivare quando il bottino di una rapina, per cui lui era stato relegato al ruolo di palo, finisce fortuitamente nelle sue mani. Tonino fugge con la refurtiva sui tetti di Taranto e trova rifugio in un abbaino fatiscente abitato da uno strano personaggio: Renato, che si è dato il soprannome di Cervo Nero perché si ritiene un indiano, parte di una tribù in perenne lotta contro gli yankee. Renato, come sillaba sprezzantemente Tonino, è un “mi-no-ra-to”, ma è anche l’unica àncora di salvezza per il fuggitivo, che tra l’altro si è ferito malamente cadendo dall’alto di un cantiere sopraelevato. Fra i due nascerà un’intesa frutto non solo dell’emarginazione, ma anche di un’insospettabile consonanza di vedute.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

LA CITTÀ CHE CURA

di Erika Rossi. Con Monica Ghiretti, Plinio Postogna, Roberto Parisi, Maurizio Brandolin. Documentario, 89′. Italia 2019

Microaree è “un progetto di salute e coesione sociale” nato nei primi anni 2000 nei quartieri periferici di Trieste e inaugurato a Ponziana, un complesso abitativo particolare, popolato di anziani, molti dei quali vivono soli e tendono a non uscire più di casa. Qui si attiva un portierato sociale attorno al quale ruotano diversi servizi, tra cui un piccolo ambulatorio, ma il luogo è inteso soprattutto come centro di aggregazione sociale. Perché la finalità della medicina territoriale o “cura nel territorio” è far sentire gli abitanti del quartiere parte di un tessuto sociale e di un luogo fisico, non solo “pazienti”, meri recettori di farmaci e terapie.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

PET SEMATARY*

di Kevin Kölsch, Dennis Widmyer. Con Jason Clarke, Amy Seimetz, Jeté Laurence, Hugo Lavoie, Lucas Lavoie, John Lithgow. Horror, 101′. USA 2019

Basato sul romanzo horror di Stephen King “Cimitero vivente“, il film segue le vicende del Dr. Louis Creed che dopo aver traslocato insieme alla moglie Rachel e ai due figli da Boston in una località rutrale del Maine, scopre un misterioso cimitero vicino alla sua nuova casa. Quando una tragedia colpisce la sua famiglia, Louis si rivolge al bizzarro vicino, Jud Crandall, scatenando una pericolosa reazione a catena dalle terribili conseguenze.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

POKÉMON – DETECTIVE PIKACHU

di Rob Letterman. Con Justice Smith, Kathryn Newton, Ryan Reynolds, Suki Waterhouse,  Bill Nighy. Animazione, 104′. Giappone, USA 2019

È lontano il tempo in cui Tim Goodman sognava di fare l’allenatore di Pokémon. Ora, a ventidue anni, lavora nella assicurazioni, e ai Pokémon non ci penserebbe più, o quasi, se la morte del padre, un famoso investigatore, non lo richiamasse a Ryme City, la metropoli dove umani e Pokémon vivono fianco a fianco. Crede che sia soltanto l’ora di dire addio a un genitore che non ha mai veramente conosciuto, ma c’è del marcio nell’incidente che ha portato alla scomparsa di Harry Goodman, e il giovane Tim si trova a far squadra con il partner del padre, l’irresistibile Pikachu, per far luce su un mistero che assume tinte e dimensioni sempre più inquietanti.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

RED JOAN*

di Trevor Nunn. Con Judi Dench, Sophie Cookson, Stephen Campbell Moore, Tom Hughes,  Ben Miles. Biopic, 110′. Gran Bretagna, 2018

L’anziana Joan Stanley vive serenamente in un elegante sobborgo londinese, tra le fotografie dei nipotini e la passione per il giardinaggio, quando viene arrestata dal MI5 e accusata di spionaggio e tradimento. Il figlio avvocato, Nick, non crede ai suoi occhi, ma, durante l’interrogatorio, Joan viene forzata a ricordare i tempi in cui studiava fisica a Cambridge, la passione per il comunista Leo Galich e il lavoro negli uffici del segretissimo Tube Alloys Project, alle dipendenze del professor Max Davies, e il passato riaffiora, più complesso e drammatico di quanto Nick avesse mai potuto immaginare.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

SOLO COSE BELLE

di Kristian Gianfreda. Con Idamaria Recati, Luigi Navarra, Giorgio Borghetti, Carlo Maria Rossi, Barbara Abbondanza. Commedia, 90′. Italia 2019

Benedetta, sedici anni, è la figlia del sindaco di un paese dell’entroterra di Rimini. Un giorno un edificio, che si voleva destinare ad altri utilizzi, viene adibito a casa famiglia. Ne entrano a far parte un papà, una mamma, un extracomunitario appena sbarcato, una ex-prostituta, un carcerato, due ragazzi con gravi disabilità, un bimbo in affido e un figlio naturale. Gli autoctoni non reagiscono bene.

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

TED BUNDY – FASCINO CRIMINALE*

di Joe Berlinger. Con Zac Efron, Lily Collins, Kaya Scodelario, John Malkovich, Jim Parsons,  Jeffrey Donovan. Biopic, 110′. USA 2019

Ted è un ragazzo bello, intelligente, carismatico e affettuoso. Liz una ragazza madre, attenta e innamorata. I due formano una normale coppia felice, a cui in apparenza non manca nulla. Quando Ted viene arrestato e accusato di una serie di efferati omicidi, Liz viene messa a dura prova. Chi è davvero l’uomo con cui ha condiviso fino a quel momento la sua vita? Si tratta di un errore oppure Ted è il serial killer che dipingono i media?

 

Data di uscita: 9 maggio 2019

TUTTI PAZZI A TEL AVIV*

di Sameh Zoabi. Con Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Maisa Abd Elhadi, Nadim Sawalha. Commedia, 100′. Lussemburgo, Francia, Belgio, Israele 2018

Salam è un trentenne che vive a Gerusalemme e lavora a Ramallah. È stato assunto da poco da uno zio come stagista sul set di una famosa soap opera palestinese, “Tel Aviv on Fire”. Ogni giorno, per raggiungere lo studio televisivo, deve passare dal rigido checkpoint israeliano, sorvegliato dalla squadra di militari del comandante Assi. Poiché la moglie di Assi è una grande fan della serie televisiva, e Salam si è spacciato per sceneggiatore, Assi esige di farsi coinvolgere personalmente nella stesura della storia. In un primo tempo, la carriera di Salam ne beneficia, al punto che viene realmente assunto per scrivere il seguito, peccato, però, che l’ufficiale israeliano e i finanziatori arabi non intendano il finale nello stesso modo.

 

Data di uscita: 12 maggio 2019

L’ALFABETO DI PETER GREENAWAY

di Saskia Boddeke. Con Peter Greenaway, Pip Greenaway, Saskia Boddeke. Documentario, 80′. Paesi Bassi 2017

A come Amsterdam. A come autistico. Due parole che non indicano solamente la città in cui Peter Greenaway vive e lavora, oppure un modo di essere, ma piuttosto rappresentano l’incipit di questo “alfabeto” filmico, poetico, surreale e un po’ sperimentale diretto dall’artista visiva Saskia Boddeke per raccontare la figura del marito, il poliedrico regista gallese Peter Greenaway. “Papà sei autistico, vero?” domanda Zoë (detta Pip) Greenaway al padre. “Gli autistici sono persone acute e con molta immaginazione. Sì, sono autistico”, risponde il padre. È così che un’ironica e innamorata Saskia inizia a riprendere il marito Peter Greenaway dalla “a” alla “z”, coinvolgendo tematiche care al regista attraverso uno scambio generazionale con la figlia Pip fatto di quesiti, scherzi, poesie, racconti, gesti, creazioni, disegni, visite nei musei, rimandi amarcord su una spiaggia nordica e chiacchierate al bar.

 

Previous articleLIBROMANIA: se democrazia e libertà di espressione non sono solo parole
Next articleSalone Off: un giro per Torino – e dintorni – sul treno della cultura
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here