Winnie The Pooh ha un nuovo, improbabile amico: Pinguino

In occasione dei 90 anni dell'orsetto più goloso di sempre, un nuovo libro per bambini tutto da gustare

di Ilaria Grasso

 

Il Bosco dei Cento Acri ha visto succedersi una serie di animali molto variegata, da quando Winnie the Pooh ha debuttato con i suoi libri nel 1926. Tra questi, anche una tigre e un paio di canguri. E oggi l’elenco si arricchisce di un pinguino.

Proprio così: Winnie the Pooh ha un nuovo amico. L’orsetto goloso di miele sta per compiere 90 anni, e quale miglior modo per festeggiare le ricorrenza se non aggiungendo un volto nuovo all’allegra combriccola?

È stato Alan Alexander Milne a creare gli storici personaggi, ispirandosi per farlo ai giocattoli del figlio Christopher Robin – e questo spiega la varietà di specie presenti nelle storie.

Ma allora da dove arriva il pinguino? Ebbene, sembra che Christopher Robin abbia avuto anche un pinguino di pezza (quello nella foto qui sotto) e lavorando a nuove storie su Winnie the Pooh uno degli autori, Brian Sibley, si è fatto ispirare da questa notizia per dare vita a un nuovo amico per l’orsetto più amato di sempre.

Alan Alexander Milne con il figlio Christopher Robin, e il pinguino di peluche.

L’idea che Winnie The Pooh incontrasse un pinguino non sembrava tanto più stravagante rispetto all’incontro con un canguro o con una tigre in un bosco del Sussex – ha dichiarato Sibley in un comunicato stampa – e così ho iniziato a pensare a cosa sarebbe successo se, in un giorno nevoso, Pinguino si fosse ritrovato nell’universo di Pooh”.

Le origini del pinguino di peluche nella foto non sono chiare; probabilmente è stato acquistato dalla mamma di Christopher Robin, Daphne, da Harrod. Non sappiamo il nome che i Milne hanno dato al personaggio, ma dal momento che molti degli animali nel Bosco dei Cento Acri sono semplicemente identificati attraverso la specie, il personaggio si chiama Pinguino.

Pinguino compare nel nuovo volume di racconti dedicati a Pooh, “Il miglior orso del mondo”, che contiene storie scritte da Brian Sibley, Paul Bright, Kate Saunders e Jeanne Willis. Si tratta del primo sequel autorizzato da quando A. A. Milne ha pubblicato “La strada di Pooh” nel 1928.

“Le storie divertenti contenute nei libri di Milne hanno affascinato intere generazioni di bambini e adulti con le loro caratterizzazioni azzeccate, l’uso raffinato del linguaggio, l’ambientazione nella foresta incantata e le suggestive illustrazioni di E. H. Shepard” – ha dichiarato l’editrice di libri per bambini Nicole Pearson.

“È stato un vero piacere lavorare con questi quattro autori di talento – ha continuato la Perason – che hanno dimostrato grande attaccamento per il lavoro dello scrittore britannico e hanno saputo trarre dai loro ricordi idee e suggestioni bellissime per creare le nuove storie di Winnie the Pooh in occasione dei 90 anni dalla prima pubblicazione”.

Il libro è uscito negli Stati Uniti il 6 ottobre. Aspettando la release italiana non possiamo che dire: benvenuto Pinguino nel Bosco dei Cento Acri!

 

Previous articleAl cinema: The accountant
Next articleTra realtà e finzione: le storie vere dietro 9 mostri letterari
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here