“I Croods 2 – Una nuova era”: un film d’animazione gioioso e coloratissimo

Un'azzeccata regia d'azione, ironia e divertimento uniti a interessanti spunti di riflessione

Un film di Kirk De Micco, Chris Sanders, Joel Crawford. Con Alessandro Gassmann, 
Virginia Raffaele, Benedetta Porcaroli, Francesco Pannofino, Alice Pagani.
Animazione, 95′. USA 2021

Il piccolo Guy è diventato grande e ha perso i genitori, che prima di scomparire gli hanno detto di seguire sempre la luce e andare in cerca del Domani. Lungo la via incontra i Croods che lo accolgono come un figlio nonostante il capofamiglia Grug sia geloso delle attenzioni che la figlia Hip riserva al nuovo arrivato: ma quello fra Guy e Hip è un amore adolescente e non conosce barriere. I Croods però si imbatteranno in un mondo nuovo più evoluto del loro, capitanato dalla famiglia dei Superior: Filo, Speranza e la figlia teenager Aurora. I Superior erano amici fraterni dei genitori di Guy e sperano di abbinare Aurora al ragazzo, ma dovranno vedersela con l’impavida Hip e con la sua simpatica, anche se impresentabile, famiglia. E tutti dovranno capire dove risieda il loro Domani.

 

Dopotutto, domani è un altro giorno» diceva, fiduciosa, Rossella O’Hara al termine di “Via con il vento”. Per i Croods, la scombinata famiglia preistorica protagonista dei film d’animazione, invece, il Domani assume un diverso significato…

Preparatevi a vivere una divertente quanto avventurosa rivisitazione della mitologica ricerca del Sacro Graal, con i simpatici protagonisti alle prese con mille pericoli, un nuovo mondo, un clan rivale più evoluto.

“I Croods 2 – Una nuova era” è nel complesso un buon sequel, equilibrato dal punto di vista narrativo e stilistico.

Gli sceneggiatori sono stati bravi e creativi a inserire nella storia tematiche delicate come il primo amore e l’eterno scontro tra tradizione e innovazione, senza perdere il tono leggero e ironico che ha caratterizzato la serie fin dall’esordio. possiamo valutarlo complessivamente un riuscito sequel basato su un giusto equilibrio narrativo e stilistico.

Lo spettatore osserva divertito la crescente tensione esistenziale e culturale – o sarebbe meglio dire radical chic – che si crea tra le famiglie Croods e Superior. I primi, per quanto cavernicoli, sono pronti a tutto per difendere il proprio branco. I secondi, invece, rappresentano l’evoluzione, l’uomo che si sente al centro dell’universo. 

L’animazione, coloratissima e gioiosa, si conferma punto di forza dei film, così come la regia di Kirk De Micco, Chris Sanders e Joel Crawford, capace di seguire le evoluzioni dei protagonisti e farci davvero vivere questa avventura a spron battuto. Forse le svolte nella trama sono un po’ troppe, e alla fine si fa fatica a seguire il filo degli eventi, ma il divertimento è assicurato. 

“I Croods 2” ci insegna come sia possibile tenere insieme l’elemento “cavernicolo” e quello “radical chic”, traendo il meglio da entrambi e gettando così le basi per allargare il branco/famiglia.

 

Il biglietto da acquistare per “I Croods 2 – Una nuova era” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto. Sempre.

Previous article“The Crusade”: genitori vs figli nella lotta per la difesa dell’ambiente
Next article“Generazione 56k”: una serie che ha il sapore di un ricordo estivo
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here