“Rex – Un cucciolo a palazzo”: un film d’animazione spassoso

Dal regista di “Bigfoot Junior” Ben Stassen una storia irriverente che parla soprattutto d'amore

Un film di Ben Stassen. Con Jack Whitehall, Iain McKee, Sheridan Smith, Matt Lucas, Sarah Hadland. Animazione, 92′. Belgio 2019

Rex è uno dei cuccioli di Corgi di Buckingham Palace. Il principe consorte Filippo lo ha regalato a Elisabetta, che ne ha fatto da subito il suo preferito. La cosa ha però scatenato l’invidia degli altri tre cagnolini di corte, al punto che uno di questi, il perfido Charlie, non esita a tradirlo, sbattendolo fuori da palazzo e abbandonandolo alla vita di strada e alle paurose dinamiche del canile. Rex, però, ha più qualità di quelle che dà a vedere: non è soltanto un pancino morbido da accarezzare, ma anche un animale capace di grandi azioni, in nome della giustizia e dell’amore per la bella Wanda.

 

Da quando ha fatto il suo ingresso a Buckingham Palace, Rex conduce una vita immersa nel lusso. Dotato di uno spirito da capobranco, ha rimpiazzato gli altri cani nel cuore di Sua Maestà britannica, anche se la sua arroganza risulta alquanto irritante e non gli attira molte simpatie – né tra gli umani né tra i suoi simili.

Un simpatico film d’animazione, dallo stesso regista di “Bigfoot Junior”, Ben Stassen, “Rex – Un cucciolo a palazzo” non ha paura di rifarsi ai classici Disney e a successi cinematografici come “Rocky” e “Fight club”, inserendo i rimandi in una sceneggiatura che funziona.

È impossibile non ridere dell’irriverente e ironico Corgi e, mentre ci affezioniamo a lui, ci allarmiamo per i pericoli che si celano nell’ombra e che minacciano l’Inghilterra, oltre che lo stesso protagonista a quattro zampe. Abbandonati gli agi del palazzo, Rex viene catapultato per le strade di Londra dove incontrerà un gruppo di cani da combattimento e inizierà un lungo viaggio…

Simpatica, anche se mai troppo irriverente, è anche la rappresentazione di due pesi massimi della politica internazionale: la regina Elisabetta II d’Inghilterra, impegnata a governare al meglio il suo Paese con al fianco l’amato Filippo, e il presidente degli Stati Uniti, palesemente in fissa con la propria immagine.

Proprio l’amore è il tema centrale – e finale – del film. L’esperienza lontano dal Palazzo cambierà Rex, le sue priorità e soprattutto gli farà incontrare con Wanda, il suo grande amore. I due torneranno sì a Buckingham Palace, ma non saranno soli… Con una famiglia da proteggere e amare, Rex dovrà decidere del suo futuro.

 

Previous article“Mamma + Mamma”: dalla storia vera della regista Karole Di Tommaso
Next article“La paranza dei bambini”: quando l’innocenza si perde per strada
Classe 1996, marchigiana d’origine, studia comunicazione a Roma e ha trovato il modo di coniugare la passione per il cinema e quella per la scrittura... Come? Scrivendo sul e per il cinema dal 2015. Ha all'attivo diverse esperienze sul set, con registi del calibro di Matteo Garrone, e sogna un giorno di veder realizzato il suo film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here