Cartoline dal Taormina Film Fest 2020: “Mater” e “Uncle”

Due pellicole che parlano di famiglia e degli obblighi che ci legano ai parenti e agli affetti

Mater è un film di Jure Pavlovic. Con Daria Lorenci, Neva Rosic, Vera Zima, Anka Vuckovic,  Marijo Jurkovic. Drammatico, 93′. Croazia, Serbia, Francia, Bosnia-Herzegovina 2019

 

Uncle è un film di Frelle Petersen. Con Jette Søndergaard, Peter Hansen Tygesen, Ole Caspersen. Drammatico, 105′. Danimarca 2019

 

La famiglia e gli obblighi morali e affettivi che legano figli e nipoti ai parenti anziani sono al centro di “Mater” di Jure Pavlovic e “Uncle” di Frelle Petersen, presentati in concorso al Taormina Film Fest 2020.

Nel primo protagonista è Jasna, costretta a tornare a casa in Croazia e a fare i conti con la sua infanzia problematica a causa della malattia della madre; nel secondo la giovane danese Kris, che ha messo da parte i suoi sogni per occuparsi dell’anziano zio, rimasto paralizzato in seguito a un ictus.

Le pellicole sono ambientate in due Paesi diversi, ma hanno molti punti di contatto. Il punto di partenza dell’intreccio, prima di tutto, e poi la figura delle protagoniste, donne forti, pratiche, sensibili che però vengono come bloccate dalla “catena” degli affetti.

E poi c’è la struttura della narrazione, semplice e lineare, e lo stile di racconto, asciutto, essenziale, dove sono i silenzi più che le parole a essere rilevanti e ad assumere una precisa valenza drammaturgica.

L’insofferenza di Jasna e l’angosciosa rassegnazione di Kris trovano efficace rappresentazione nelle intense performance delle protagoniste. Daria Lorenci (premiata con la Maschera di Polifemo per la migliore attrice) e Jette Søndergaard reggono con naturalezza il peso artistico dei film, senza mai risultare eccessive o caricaturali.

Alla lunga “Mater” risulta lievemente ripetitivo nell’intreccio e lento nel ritmo, mentre “Uncle” ha maggiori respiro, ritmo e fruibilità, grazie anche al cast che affianca la Søndergaard, davvero valido e ispirato.

Il primo lascia nello spettatore un retrogusto malinconico, mentre il secondo compie un passo ulteriore in avanti sul piano emozionale e psicologico, sublimandosi in una dimensione più universale. Alla fine la rinuncia personale ha la sua bellezza, se la si attua in nome di un bene “superiore”, la famiglia.

 

Previous articleTaormina Film Fest 2020: il miglior film è il danese “Onkel”
Next article“L’amore a domicilio”: a tu per tu con Miriam Leone e Simone Liberati
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here