I FANTASTICI 4 | I super-cattivi delle pellicole di Natale, per feste da urlo

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Ormai mancano una mancata di giorni, il Natale è davvero alle porte. Insieme a parenti e amici, le giornate si riempiono anche degli immancabili film natalizi, che riempiono i palinsesti delle reti tradizionali e i cataloghi delle piattaforme di streaming.

Se la maggior parte delle persone è ben felice di immergersi nell’atmosfera gioiosa di queste giornate, ci sono coloro che davanti a decorazioni, luminarie e bontà a ogni costo storcono il naso. Nella vita vera… ma anche al cinema!

Ai “super-cattivi” delle pellicole di Natale, che odiano le feste e cercano in ogni modo di rovinarle anche a tutti gli altri, è dedicato il nostro appuntamento di oggi con “I Fantastici 4”, la rubrica dedicata al consiglio di pellicole a tema. Buone feste!

 

GREMLINS

di Joe Dante. Con Phoebe Cates, Keye Luke, Zach Galligan, Hoyt Axton, Frances Lee McCain, Polly Holliday. Fantastico, 111’. USA 1984

L’inventore Rand Peltzer crede di aver trovato il regalo di Natale perfetto per suo figlio Bill: un piccolo mogwai tenero e buffo. Per allevarlo bisogna solo rispettare tre regole: non esporlo alla luce del sole, non dargli del cibo dopo la mezzanotte e non dargli mai dell’acqua. Quando il bambino infrange inavvertitamente una delle tre regole, il docile cucciolo inizia a trasformarsi in un terribile gremlins. E semina caos e terrore in una cittadina americana, proprio a ridosso delle feste…

 

IL GRINCH

di Ron Howard. Con Jeffrey Tambor, Jim Carrey, Taylor Momsen, Christine Baranski, Bill Irwin, Molly Shannon. Fantastico, 105′. USA 2000

Probabilmente il cattivo più iconico “delle feste”, nato dalla penna del Dr. Seuss nel 1957 e protagonista al cinema di innumerevoli adattamenti. Nel film del 2000 di Ron Howard a interpretarlo, in modo davvero brillante, è Jim Carrey. La storia è nota: l’essere verde e peloso odia talmente tanto il Natale che decide letteralmente di rubarlo, facendo scomparire doni, decorazioni e alberi dalle case degli abitanti del paese di Chinonso la notte della Vigilia.

 

BABBO BASTARDO

di Terry Zwigoff. Con Billy Bob Thornton, Brett Kelly, Tony Cox, Lauren Graham, Lauren Tom, Bernie Mac Commedia, 91′. USA, Germania 2003

Willie T. Stokes è un Babbo Natale ubriacone e salace di un grande magazzino, che maltratta i clienti e ogni anno mette a segno un solo colpo insieme al fido Marcus, un nano travestito da elfo. Quest’anno, però i due lavorano a Phoenix e il loro classico furto è messo in pericolo da un direttore irritante, da un furbo detective, da una bella ammiratrice di Babbo Natale e da un ingenuo, assillante e strambo ragazzino di otto anni che ha deciso che Willie – per quanto velenoso, acido e cattivo possa sembrare – è il vero Babbo Natale…

 

A CHRISTMAS CAROL

di Robert Zemeckis. Con Jim Carrey, Robin Wright, Gary Oldman, Colin Firth, Cary Elwes, Daryl Sabara. Fantastico, 90′. USA 2009

Un altro personaggio iconico, quando si pensa ai “cattivi di Natale”, è sicuramente Ebenezer Scrooge, nato dalla penna di Charles Dickens. Anche in questo caso, gli adattamenti cinematografici, animati e non, di “Canto di Natale” si sprecano. Quello del 2009 vede nei panni dell’arcigno e taccagno vecchio, che la notte della vigilia viene visitato dai tre fantasmi dei Natali passati, presenti e futuri, un camaleontico Jim Carrey.

Previous article“Spider-man – No way home”: una maxi-produzione travolgente
Next article“Chi ha incastrato Babbo Natale?”: una commedia natalizia che non brilla
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here