I FANTASTICI 4 | Omaggio a Lucio Dalla, artista a tutto tondo

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Il 4 marzo avrebbe compiuto 78 anni Lucio Dalla, genio insuperato della canzone italiana. Proprio in questi giorni Pietro Marcello ha presentato alla Berlinale il suo “Per Lucio”, ritratto sotto forma di documentario dell’artista bolognese.

Perché Lucio Dalla non è stato soltanto un cantante, ma ha amato l’arte in ogni sua forma ed è stato capace di spaziare dalla musica al cinema, dal teatro alla poesia fino alla composizione di colonne sonore per pellicole divenute iconiche.

A questo suo lato forse poco noto è dedicato il nostro appuntamento del venerdì con “I Fantastici 4”, la rubrica dedicata al consiglio di pellicole a tema.

 

SIGNORE E SIGNORI, BUONANOTTE

di Luigi Comencini, Mario Monicelli, Nanni Loy, Ettore Scola, Luigi Magni. Con Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Paolo Villaggio, Adolfo Celi, Marcello Mastroianni. Commedia, 119′. Italia 1976

Film collettivo satirico, prende di mira, attraverso una parodia talvolta greve, un’immaginaria giornata televisiva, tra spot, inchieste giornalistiche, sceneggiati, TV dei ragazzi e un telegiornale (un TG3 che all’epoca ancora non esisteva). Tra i protagonisti, Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi, Vittorio Garrman, Nino Manfredi.

 

BOROTALCO

di Carlo Verdone. Con Carlo Verdone, Angelo Infanti, Eleonora Giorgi, Moana Pozzi, Elisa Mainardi, Mario Brega. Commedia, 130′. Italia 1982

Sergio Benvenuti, ragazzo ingenuo e piuttosto impacciato, trova lavoro come venditore presso una casa editrice musicale. Lì incontra la bella Nadia, sfegatata fan di Lucio Dalla, e per far colpo su di lei decide di fingersi viveur. Nel film di Carlo Verdone, Lucio Dalla, oltre a occuparsi della colonna sonora, è una presenza/assenza: non compare mai fisicamente ma viene continuamente chiamato in causa dai protagonisti.

 

I PICARI

di Mario Monicelli. Con Giancarlo Giannini, Enrico Montesano, Giuliana De Sio, Vittorio Gassman, Nino Manfredi. Commedia, 128′. Italia 1987

Spagna, XVI secolo. Lazarillo de Tormes e Guzman de Alfarache sono due vagabondi che battono le contrade di Spagna, imbattendosi in ogni tipo di personaggio: mendicanti, pirati, nobili spilorci e crudeli, fanciulle avventurose. Guzman sta per finire sul patibolo, ma Lazarillo fortunosamente riesce a salvarlo. E l’avventura ricomincia. Mario Monicelli cerca qui di far rivivere il momento magico de “L’armata Brancaleone”, portando sul grande schermo i personaggi dei romanzi picareschi.

 

PINOCCHIO

di Enzo D’Alò. Con Gabriele Caprio, Rocco Papaleo, Paolo Ruffini, Pino Quartullo, Maurizio Micheli. Animazione, 84′. Italia 2012

Il Pinocchio di Enzo D’Alò sembra pensato per gli adulti ma disegnato per i bambini. Bellissimi gli sfondi di Lorenzo Mattotti e soprattutto la colonna sonora di Lucio Dalla, capace di avvolgere di un’aura diversa la storia scritta da Carlo Collodi e poi adattata per il grande e il piccolo schermo innumerevoli vote. 

Previous articleNetflix: il meglio delle nuove uscite di marzo 2021
Next article“Il principe cerca figlio”: un sequel pacchiano, che svilisce l’originale
Avatar
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here