“Lea – Un nuovo giorno”: al via su Rai1 la nuova fiction con Anna Valle

Emozioni, sentimenti e la vita in reparto con i piccoli pazienti per una serie in 8 episodi

Una serie di Isabella Leoni. Con Anna Valle, Giorgio Pasotti, Mehmet Günsür, Eleonora Giovanardi, Daniela Morozzi. Drammatico, medico. Italia. 2022

 

Sulla scia del successo che i medical drama stanno tornando ad avere anche nel nostro paese, arriva su Rai 1 da oggi, martedì 8 febbraio, “Lea – Un nuovo giorno”. Otto episodi per quattro prime serate che protagonista Lea (Valle), infermiera specializzata nel reparto di pediatria dell’ospedale di Ferrara.

La donna ha attraversato un periodo difficile – la perdita del bimbo che portava in grembo all’ottavo mese di gravidanza e la fine del suo matrimonio – ma è riuscita a superarlo e a trasformare il dolore in un dono che la rende capace di empatizzare in modo speciale con i suoi piccoli pazienti e con i loro familiari.

Tornata a lavoro dopo un anno di aspettativa, Lea dovrà affrontare nuove difficoltà. Il suo ex marito, Marco Colomba (Pasotti), rientrato dagli Stati Uniti, è infatti il nuovo primario del reparto di pediatria. Potrà rinascere l’amore tra loro? Oppure l’incontro con un affascinante musicista, Arturo Minerva (Mehmet Günsür), le farà scoprire la possibilità di una nuova vita? 

“Lea – Un nuovo giorno” è una fiction dallo stile classico, che parla di sentimenti, drammi, paure ma anche dell’ironia della vita. Con un tono da dramedy, mescola le storie dei piccoli pazienti del reparto con quelle di infermiere, OSS e dottori. E poi c’è lei, Lea, una donna forte e sensibile, capace di rinascere dalle sue ceneri nonostante il dolore. 

A differenza di “Doc – Nelle tue mani”, dove la parte medical è centrale nel racconto, in questo caso la professione della protagonista è soprattutto uno spunto per parlare poi del suo carattere, del suo passato e della sua grandissima empatia verso il prossimo. Una serie rassicurante, che si colloca nel filone di quelle più tradizionali prodotte da casa Rai. 

Previous article“Makàri”: al via su Rai1 la seconda stagione della serie con Claudio Gioè
Next article“Piccolo corpo”: un’opera prima di sofferta e straziante bellezza
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here