BookCity Milano 2019: tutto quello che c’è da sapere sull’ottava edizione

Il focus tematico dedicato alle Afriche, Barcellona città ospite, i poli e i luoghi della kermesse

Si concluderà domenica 17 novembre l’ottava edizione di BookCity Milano, apertasi il 13, la grande festa partecipata dei libri, dei lettori e dell’editoria che coinvolge il capoluogo lombardo a partire dal Castello Sforzesco.

Oltre 3.000 gli autori protagonisti dei 1.500 eventi gratuiti distribuiti in una moltitudine di location diverse. Teatri, musei, scuole, università, palazzi storici, librerie, circoli e associazioni culturali, carceri e ospedali, negozi fanno da sfondo al ricchissimo programma.

Tra gli appuntamenti da non perdere, l’incontro con i premi Nobel per la letteratura Svetlana Aleksievic (per l’undicesima Conferenza Mondiale Science for Peace) e Wole Soyinka (per il focus Afriche), ma anche quello con Ken Follett, quello con l’astronauta Umberto Guidoni e quello con Stefano Benni.

A confermare la vocazione internazionale della manifestazione, due progetti. Per la prima volta, BookCity presenta un focus tematico dedicato alle Afriche, con oltre 100 eventi (concentrati soprattutto all’ISPI, in collaborazione con il festival Pistoia-Dialoghi sull’uomo, al MUDEC, a Casa Emergency e a Cascina Casottello).

Dopo il gemellaggio con Dublino celebrato lo scorso anno, prosegue il percorso di Milano UNESCO Creative City per la Letteratura: città ospite quest’anno è Barcellona, la cui scena letteraria ed editoriale è rappresentata da Valeria Bergalli, Josep Maria Esquirol, Ildefonso Falcones, Marina Garcés, Jorge Herralde, Eduardo Mendoza, Tina Vallés.

BookCity coltiva anche rapporti con altre manifestazioni culturali e rappresenta l’asse portante del patto per la lettura di Milano. Oltre all’importante rapporto con il festival Dialoghi sull’uomo di Pistoia, continua la collaborazione con il Circolo dei lettori e il Salone internazionale del libro di Torino e quella con il Festival delle serie TV e il Festival del cinema africano, d’Asia e America latina, per una generale diffusione della cultura.

E BookCity è sempre di più l’occasione per ribadire la centralità del libro e della lettura nella cultura e nella comunicazione contemporanea, con una manifestazione curiosa, aperta e inclusiva. I temi di questa edizione sono tantissimi, per tutti i gusti. Si spazia dal Cibo e la cucina al Noir, dall’Illustrazione e il fumetto allo Spettacolo.

Dal programma emergono anche percorsi curiosi e a volte imprevedibili che attraversano più di un incontro, a cominciare dagli anniversari: 50 anni dal primo uomo sulla luna e dalla strage di Piazza Fontana (1969), 30 dalla caduta del Muro di Berlino (1989), 500 dalla morte di Leonardo, 50 da quella di Giorgio Scerbanenco e 10 da quella di Bruno Brancher e Alda Merini.

Una festa del libro e del lettore aperta a tutti, per scoprire Milano e i suoi luoghi più nascosti, seguire una lezione e un dibattito, partecipare a uno workshop. Sul sito trovate il programma completo.

 

Previous articleCosa leggere a novembre 2019? I consigli di Po
Next articleLIBROMANIA: Autori “per adulti” alle prese con libri per bambini e ragazzi
Avatar
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here