Uno stile per una libreria: 6 modi originali per ordinare i libri

Per altezza, impilati oppure per colore: ecco come rendere gli scaffali perfetti da fotografare

Nell’epoca dei selfie di tutti i tipi e di tutte le forme, non poteva certo mancare l’autoscatto a tema… libresco. Il #book-shelfie (shelf, in inglese, significa mensola, scaffale) è, in estrema sintesi, una foto della propria libreria. Si possono realizzare immagini di tutti i tipi: da quelli che includono il proprietario dei libri a quelli dove il gatto di casa dorme comodamente disteso sui dorsi dei romanzi.

Ma cosa succede se state per scattare uno shelfie e vi accorgete che i vostri scaffali sono tutt’altro che pronti per essere immortalati? Che è il caos, più che l’ordine, a farla da padrone? Niente panico. Questo tipo di foto è un’ottima occasione per passare in rassegna tutta la vostra collezione di libri, versando magari qualche lacrimuccia sui tomi a cui siete più legati, e cercare poi un modo originale, oppure funzionale, per riorganizzare il tutto.

Per cominciare, riprendendo un pezzo dell’Huffington Post, ecco 6 criteri semplici ma anche divertenti da mettere in pratica, corredati di pro e contro. Pronti a scegliere il vostro stile?

 

1. ORDINE CRONOLOGICO

Iniziamo con un ordine da veri perfezionisti, quello cronologico. Potete partire dai libri più antichi oppure da quelli più recenti. Non dimenticate di cercare la data di prima pubblicazione, per ordinarli in modo davvero impeccabile.

Pro: Sarà come avere un pezzettino di storia della letteratura nella vostra libreria. Contro: Volete davvero preoccuparvi di scoprire la data di pubblicazione di tutti i libri che avete? Probabilmente no.

 

2. SIGNIFICATO PERSONALE

Qui in gioco ci sono la vostra sensibilità e i vostri gusti, quindi state pronti. Si tratta di prendere ogni libro e sistemarlo in base all’importanza che ha per voi. I vostri romanzi preferiti e quelli che vi hanno lasciato qualcosa di profondo occuperanno le posizioni d’onore, i libri di testo e quelli che avete faticato a finire staranno in fondo.

Pro: Non avrete difficoltà a trovare il vostro libro preferito, lì, in alto. Contro: Non è che in foto questo ordine risulti poi tanto – e c’è chi pensa che dare un giudizio ai libri sia terribile e sfiancante.

 

3. ORDINE ALFABETICO

Se avete lavorato in una libreria o in una biblioteca, passando ore e ore a sistemare i libri sugli scaffali, per voi sarà un gioco da ragazzi. I libri vanno ordinati prima secondo il cognome dell’autore, e poi, per uno stesso autore, in ordine alfabetico (senza considerare gli articoli). Semplice, chiaro, pratico.

Pro: Troverete sempre il libro che state cercando, non importa quanto vi è piaciuto o quanto sia speciale. Contro: Di nuovo, non è il modo più accattivante per presentare la vostra collezione al mondo.

 

4. PER ALTEZZA

Adesso passiamo agli ordinamenti di maggiore impatto visivo. Partite dai libri più bassi (oppure da quelli più alti), e poi salite in modo graduale.

Pro: Le vostre mensole avranno un aspetto molto ordinato. Contro: A meno che i vostri romanzi non siano di spessore diverso, l’effetto non sarà così eccezionale – e vi sarà impossibile rintracciare qualcosa.

 

5. IMPILATI

Chi ha detto che i libri debbano necessariamente stare su file orizzontali? Per cambiare, potete provare a impilarli in verticale, oppure ad alternare blocchi verticali e orizzontali sulle mensole. Le possibilità non sono infinite, ma potete giocare con le combinazioni.

Pro: Avrete una libreria diversa da quelle che si vedono di solito. Contro: Se non capita spesso di vedere i libri disposti in verticali c’è un motivo: estrarre il romanzo che cercate è un’impresa, soprattutto se si trova in fondo alla pila.

 

6. PER COLORE

Uno degli ordinamenti preferiti dai patiti delle foto, l’effetto arcobaleno vale sempre la pena di essere provato. Basatevi sulla scala tonale tradizionale, oppure date spazio all’immaginazione. Quello che conta è creare blocchi uniformi, che sfumino in modo sensato gli uni verso gli altri.

Pro: È davvero bello da vedere. Contro: Si può trovare un contro a questo metodo?! Sì, ok, tranne il fatto che trovare uno specifico libro non sarà semplicissimo…

 

Chiaramente ci sono milioni di modi originali per organizzare la vostra libreria – qui abbiamo appena grattato la superficie della questione. L’importante è riempire gli scaffali vuoti, spolverarli e passare del tempo di qualità con i vostri libri. Provate sistemazioni diverse, per capire quella che si accorda di più con il vostro stato d’animo del momento. Il bello? Potete ripensarci tutte le volte che volete.

 

Previous articleL’arte della recensione letteraria negativa: come stroncare con stile
Next article“Drowning”: il dramma di una madre nel film di e con Melora Walters
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here