“Notizie dal mondo”: Tom Hanks in un western sui generis, politico e intimo

Il film di Paul Greengrass, dove brilla la giovane Helena Zengel, supera la sua cornice storica

Un film di Paul Greengrass. Con Tom Hanks, Neil Sandilands, Thomas Francis Murphy, Helena Zengel, Chukwudi Iwuji. Drammatico, 118′. USA 2020

Nel 1870, nel Texas ancora ferito dalla sconfitta nella Guerra civile, Jefferson Kyle Kidd, ex capitano dell’esercito confederato, gira di città in città per leggere ad alta voce, durante affollatissime assemblee, le “notizie dal mondo” pubblicate sui giornali americani. Durante un trasferimento si imbatte nell’unica sopravvissuta all’agguato a una carovana, una bambina di origine tedesca vestita come un’indiana. Il nome della bambina è Cicada, e prima ancora Johanna, orfana di una famiglia di coloni sterminata dai Kiowa e poi adottata dalla tribù. Deciso a consegnarla a un avamposto dell’esercito, Kidd sarà invece costretto ad accompagnare la bambina da alcuni suoi zii nel nord dello stato, attraversando con lei un territorio selvaggio e pericoloso.

 

In queste settimane parole come “ricostruzione”, “pacificazione”, “unità nazionale” rimbalzano da un giornale all’altro, vengono pronunciate nei talk show e nei Tg di tutto il mondo.

Gli effetti della pandemia sono paragonati a quelli del secondo conflitto mondiale. E gli Stati Uniti non devono fronteggiare soltanto il Covid, ma anche una gravissima crisi sociale, che dopo i quattro anni di presidenza Trump si è acutizzata a livelli preoccupanti.

Certo non è la prima volta che quella che amiamo definire la “più grande democrazia occidentale” è scossa dalla questione razziale. Fu questa, ad esempio, una delle cause dello scoppio della guerra di secessione (1861-1865), che dilaniò il Paese per quattro anni e rese poi necessario un sofferto quanto complesso processo di “normalizzazione” tra vincitori e vinti. Di fatto, però, le tensioni tra gli Stati e le persone non si sono mai spente. Se mai si sono evolute con la società.

“Notizie dal mondo” di Paul Greengrass, disponibile su Netflix, è sì un western monumentale, ambientato nel Texas del 1870, ma lo spettatore si rende quasi subito conto della valenza simbolica e politica della sceneggiatura, che va ben oltre la cornice stilistica e narrativa tradizionale del genere.

Tom Hanks (alla prima volta in carriera con speroni e cinturone) dimostra ancora una volta la propria poliedricità ed esperienza, quella capacità propria dei grandi interpreti di calarsi in ruoli molto diversi trovando sempre la giusta chiave interpretativa ed emozionale.

Il suo personaggio, l’ex capitano dell’esercito confederato Jefferson Kyle Kidd, è un “vinto” che ha intuito la necessità di reinventarsi dopo la guerra. Per questo si sposta di città in città, nel vasto Texas, leggendo notizie prese dai giornali americani, cercando di dare una prospettiva diversa e un briciolo di speranza alla popolazione stremata.

Ma il capitano è anche in fuga dai propri demoni interiori, in costante movimento per cercare di non affrontare il dolore legato alla perdita della moglie durante la guerra. L’incontro con la piccola Johanna (Zengel), sopravvissuta all’eccidio, lo costringerà a guardarsi dentro.

“Notizie dal mondo” è un western politico, intimo, quasi essenziale, dove parole e riflessioni hanno maggiore importanza di sparatorie e litigi da saloon. Ma è anche un road movie ante litteram, che porta lo spettatore a immergersi in un’epoca lontana ma quanto mai vivida e attuale per ciò che riguarda le tensioni e le disuguaglianze che emergono nel corso del viaggio.

Tra il capitano Kidd e la piccola Johanna si instaura un rapporto sincero, profondo, affettuoso, simile a quello che lega padre e figlia. A unirli, il fato che hanno entrambi un passato difficile da superare. E un nuovo posto da chiamare casa da trovare. 

Paul Greengrass dipinge un affresco crudo e realistico di un Paese ancora scosso dalla guerra, diviso su tutti i fronti nonostante la fantomatica “unità federale”. Ma riesce anche a scaldare il cuore e far commuovere, raccontando due anime sole che trovano la forza di ricominciare, formando una nuova famiglia.

Se Tom Hanks si conferma “usato garantito”, è Helena Zengel la sorpresa del film. La giovane attrice tedesca riesce a tenere testa all’esperto collega, e talvolta lo supera persino, con personalità e talento. Il personaggio di Johanna prende vita, più che attraverso le parole, grazie agli sguardi, alle espressioni facciali e ai movimenti. 

“Notizie dal mondo” è un film visivamente potente, caldo, avvolgente, che ha dalla sua location uniche e un’attenta ricostruzione storica di costumi, usanze e ambienti. Paradossalmente è la sceneggiatura la parte più debole, piuttosto avara di spunti di riflessione e approfondimenti.

Una visione comunque nel complesso consigliata, non soltanto per gli amanti del genere western ma anche per chi crede nelle seconde possibilità e nel valore catartico del perdono e della giusta informazione come strumento positivo di cambiamento per le masse.

 

Il biglietto da acquistare per “Notizie dal mondo” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto. Sempre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here