Settimana internazionale della critica: miglior film “Zalava” di Arsalan Amiri

“Inchei” di Federico Demattè premiato come miglior cortometraggio nell'ambito di SIC@SIC

Tempo di premiazioni e di bilanci, alla Mostra del cinema di Venezia 2021. Come di consueto, si comincia con le due sezioni parallele, la Settimana internazionale della critica (SIC) e le Giornate degli autori. 

Per ciò che riguarda la prima, giunta alla sua 36° edizione, la giuria internazionale composta da Claudio Cupellini, Vanja Kaludjercic e Sandrine Marques ha scelto come miglior film “Zalava” di Arsalan Amiri, opera matura e giocosa, capace di trasmettere un messaggio universale. Al film iraniano anche il Premio Internazionale Fipresci assegnato dalla Fédération Internationale de la Presse Cinématographique.

Come miglior cortometraggio, nell’ambito della sesta edizione di SIC@SIC, è stato scelto “Inchei” di Federico Demattè, premiato anche come miglior regista. 

“Si conclude un’edizione dallo sguardo plurale, curioso e onnivoro, orientato a rappresentare la vasta complessità del presente attraverso temi universali e forme originali”, ha commentato il delegato generale Beatrice Fiorentino.

“Abbiamo lavorato cercando di offrire uno spettro ampio di possibilità del fare cinema oggi e i vincitori sono la concreta testimonianza di questa varietà: cinema di genere e d’autore, dal Medio Oriente all’Europa dell’Est e del Mediterraneo. Sono il segno di un cinema che nonostante le avversità che viviamo è sempre più vitale, inquieto e globale”.

Una scena del film “Zalava” di Arsalan Amiri (2021).

A seguire tutti i premi assegnati nell’ambito della 36° Settimana Internazionale della Critica, a lungometraggi e cortometraggi:

  • Gran Premio Settimana Internazionale della Critica – ZALAVA di Arsalan Amiri
  • Premio Internazionale Fipresci – ZALAVA di Arsalan Amiri
  • Premio Circolo del Cinema di Verona – ELTÖRÖLNI FRANKOT/ERASING FRANK di Gàbor Fabricius,
  • Premio Mario Serandrei – Hotel Saturnia per il Miglior Contributo Tecnico – ELES TRANSPORTAN A MORTE/ THEY CARRY DEATH di Helena Girón e Samuel M. Delgado
  • Premio Miglior Cortometraggio INCHEI di Federico Demattè
  • Premio Migliore Regia INCHEI di Federico Demattè
  • Premio Miglior Contributo Tecnico L’INCANTO di Chiara Caterina
  • Premio Queer Lion per il film LA DERNIÈRE SÉANCE di Gianluca Matarrese
  • Premio “Autrici under 40” – Ekaterina Selenkina per il film DETOURS

 

Previous article“Lovely boy”: una (classica) parabola di ascesa e rinascita giovanile
Next article“Zalava”: un film atipico e originale, ambientato negll’Iran del 1978
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here