Streaming addicted: cosa vedere online dal 14 al 20 febbraio

Ogni settimana serie tv e film da non perdere disponibili su Netflix, Amazon, Disney+, NOW

Ed eccoci arrivati al 14 febbraio, giorno degli innamorati per eccellenza – anche se personalmente, sono tra coloro che non hanno bisogno di una data specifica, per dimostrare amore e apprezzamento al proprio partner, perché lo fanno un po’ tutto l’anno.

Avete in programma qualcosa di speciale per oggi? Lo streaming ci viene, almeno parzialmente, in soccorso. Per restare al passo con le nuove uscite, ogni lunedì c’è la nostra rubrica Streaming addicted, dove uno dei nostri redattori, a turno, stila la sua classifica delle novità da non perdere in uscita su Netflix, Prime Video, Disney+, Sky e NOW, Rai Play, Apple TV+.

Nella settimana di San Valentino le piattaforme non si sono tinte particolarmente di rosa, e in molti avranno ringraziato. Ho scelto per voi due film, passati negli scorsi mesi per Festival nazionali e internazionali, due serie e una docu-serie. Romanticismo poco. Emozioni tante. E vi ricordo anche l’appuntamento del lunedì con “Màkari” e quello della domenica con “L’amica geniale”.  

* L’asterisco indica che su Parole a Colori è già disponibile
o sarà disponibile nel corso della settimana la recensione
(cliccando sul titolo si viene indirizzati all’articolo)

 

FEDELTÀ (14 febbraio, Netflix)*

COSA CI PIACE: Una coppia moderna alle prese con le conseguenze di un presunto tradimento. E quel dubbio esistenziale: è giusto restare fedeli al proprio partner oppure a se stessi?

Michele Riondino e Lucrezia Guidone sono i protagonisti di “Fedeltà”, la nuova produzione italiana originale Netflix disponibile in streaming dal 14 febbraio, ispirata al romanzo omonimo di Marco Missiroli. Un’esplorazione del desiderio e del tradimento, e delle loro conseguenze, attraverso la storia di due coniugi, Carlo e Margherita. Nel cast anche Carolina Sala, Leonardo Pazzagli, Maria Paiato. 

Carlo, professore part-time di scrittura creativa, e Margherita, architetto divenuto agente immobiliare, sono innamorati, ma capita che i loro desideri si allontanino dai confini della loro camera da letto. Carlo brama la quieta bellezza di una delle sue studentesse, Sofia; Margherita fantastica sul suo fisioterapista Andrea. Il sogno di un nuovo appartamento nel cuore di Milano potrebbe essere proprio ciò di cui i due hanno bisogno per rafforzare la loro relazione…

 

MONDOCANE (15 febbraio, Sky Cinema/NOW)*

Un’immagine del film “Mondocane” di Alessandro Celli (2021)

COSA CI PIACE: L’ambientazione post-apocalittica declinata in chiave nostrana, e Alessandro Borghi, che non sbaglia un colpo. 

Dopo essere stato presentato in concorso alla Settimana internazionale della critica di Venezia 2022, “Mondocane”, esordio nel lungometraggio di Alessandro Celli, apprezzato autore televisivo e di cortometraggi, arriva su Sky Cinema e in streaming su NOW. Una Taranto post-apocalittica e preda della violenza fa da sfondo al racconto di formazione con protagonisti Dennis Protopapa e Giuliano Soprano. Nel cast, anche Alessandro Borghi, Barbara Ronchi, Ludovica Nasti.

In un futuro prossimo, la città di Taranto è stata tagliata fuori dal resto del paese ed evacuata a causa dei danni provocati dall’acciaieria. All’interno delle recinzioni, gang criminali si danno battaglia per il controllo del territorio. Tra di esse le Formiche, un esercito di ragazzini capeggiato dal temibile Testacalda. Mentre dall’esterno la polizia cerca di mantenere l’ordine come può, i due adolescenti Pietro e Christian vengono in contatto con le Formiche e attirano l’attenzione di Testacalda, che dovrà capire quale dei due ragazzi prendere sotto la sua ala.

 

THE FRENCH DISPATCH (16 febbraio, Disney+)*

COSA CI PIACE: Il respiro corale della pellicola, e quella vena di (in)controllata pazzia che ormai associamo ad Anderson. 

Il regista Wes Anderson firma la sua personale lettera d’amore al giornalismo “di un tempo” – quello delle redazioni in fermento, dei redattori alla costante ricerca di notizie “in strada” e della voglia di fare informazione. Presentato in concorso al Festival di Cannes, e poi al London Film Festival, “The French Dispatch” arriva in streaming su Disney+

Nella cittadina di Ennui-sur-Blasé ha sede la redazione francese del quotidiano “French Dispatch”, che tratta argomenti di vario tipo, dalla politica mondiale alla cronaca passando per arte, moda, cucina. Quando il direttore del giornale muore, i redattori decidono di pubblicare un numero commemorativo, che raccolga tutti gli articoli di successo che il French Dispatch ha pubblicato negli ultimi anni. Tra questi, quelli inerente il rapimento di uno chef, la condanna al carcere a vita di un artista per un duplice omicidio e un reportage sui moti studenteschi del ’68.

 

SCISSIONE (dal 18 febbraio, Apple TV+)

COSA CI PIACE: La “fantascienza possibile”.

Apple TV+ si sta proponendo in questo mesi come fucina di contenuti intriganti (per argomento trattato) e di qualità assoluta (per produzione, regia e interpretazione). Rientra tra questi “Scissione”, la serie dal registra e direttore esecutivo Ben Stiller e dal creatore Dan Erickson, che debutta il 18 febbraio con i primi due episodi (gli altri verranno rilasciati a cadenza settimanale, uno ogni venerdì). Protagonisti Adam Scott, Patricia Arquette, John Turturro. 

Mark Scout (Scott) guida un team alla Lumon Industries i cui impiegati hanno subito una procedura di scissione che divide chirurgicamente i ricordi della vita lavorativa da quelli della vita privata. L’audace esperimento sull’equilibrio tra lavoro e vita privata viene messo in discussione quando Mark si ritrova al centro di un mistero che lo costringe ad affrontare la vera natura del suo lavoro, e di se stesso.

 

IL DILEMMA DI LINCOLN (18 febbraio, Apple TV+)

COSA CI PIACE: Il ritratto sfaccettato che la docu-serie fa di Lincoln (finora noto come esempio, poco credibile forse (?), di perfezione e moralità). 

Docu-serie in quattro parti disponibile su Apple TV+ il 18 febbraio, “Il dilemma di Lincoln” analizza da una prospettiva inedita una delle figure cardine della storia degli Stati Uniti e il complesso percorso che ha portato all’abolizione della schiavitù. La voce narrante è di Jeffrey Wright, mentre Bill Camp e Leslie Odom Jr. doppiano rispettivamente Abraham Lincoln e Frederick Douglass. 

La serie ripercorre la storia di un uomo complicato, passato alla storia come “il grande emancipatore”, e di persone ed eventi che hanno plasmato la sua posizione sulla schiavitù, il tutto visto attraverso la lente del XXI secolo. Contributi di storici prestigiosi e materiali di archivio molto rari rendono “Il dilemma di Lincoln” un documento prezioso per considerare in maniera sfaccettata uno dei grandi del XIX secolo. 

 

E per oggi è tutto. Con la rubrica Streaming addicted vi diamo appuntamento a lunedì 21 febbraio, quando la nostra Federica Rizzo vi accompagnerà nell’ultima parte del mese, proponendovi il meglio delle novità in streaming. 

Previous article“Peter von Kant”: Ozon omaggia Fassbinder e il cinema degli anni ’70
Next article10 curiosità su San Valentino che potreste non conoscere
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here